Contenuto sponsorizzato

I lupi abbattono tre mufloni sull'Altopiano di Asiago ed entrano in competizione con i cacciatori: "Una strage. Noi siamo autorizzati a mantenere l'equilibrio"

Sui giornali veneti si è parlato di sterminio e scempio ma in realtà quanto è successo è semplicemente natura. I lupi cacciano, ed è ovvio perché lo facciano, ma se sottraggono "prede" ai cacciatori questi poi rischiano di aver meno capi da abbattere "per legge" e il loro hobby diventa meno divertente

Di Luca Pianesi - 10 febbraio 2018 - 12:50

ASIAGO. I giornali veneti hanno sparato la notizia titolando "strage di mufloni", facendo riferimento a branchi di lupi affamati e usando termini come sterminati e scempio. Ovviamente quel che è successo, a vedere le immagini, può sembrare truculento, qualcuno lo definirebbe pulp. In realtà è la natura: se i lupi non potessero nemmeno abbattere gli animali selvatici di cosa dovrebbero nutrirsi? Muschi e licheni? Diventare vegetariani?

 

 

 

 

Ma andiamo con ordine: siamo sull'Altopiano di Asiago e l'allarme l'ha lanciato "Federcaccia Friuli Venezia Giulia" che tramite Paolo Viezzi, il suo presidente, ha postato su Facebook le foto della cosiddetta "strage" (sono tre mufloni) scrivendo "Altopiano di Asiago, i lupi stanno sterminando la popolazione di mufloni nel disinteresse generale. Ma il nostro Piano Faunistico non prevedeva prelievi per classi e genere..?". Vitturi, poi, sul Gazzettino.it spiega che i lupi starebbero facendo razzia di ungulati causando gravi danni anche "perché noi cacciatori siamo qui proprio per salvaguardare la fauna del nostro territorio. Addirittura la Regione ci ha autorizzato a mantenere un certo equilibrio tra le varie specie che popolano le nostre montagne".

 

E questa dichiarazione spiega tutto: praticamente per Viezzi i cacciatori sarebbero autorizzati ad abbattere gli ungulati mentre i lupi no sono fuori dai piani di "mantenimento dell'equilibrio" regionale quindi sarebbero degli avversari che giocano fuori dalle regole. E' evidente come i cacciatori si sentano minacciati dai lupi che tornando a fare quello che facevano prima che venissero sterminati, cacciare ungulati e altri animali selvatici per vivere, levano le possibilità di "gioco" ai cacciatori che sparano agli stessi mufloni o cervi per mantenere il giusto equilibrio della fauna nei boschi. Un equilibrio venuto a mancare, nei decenni passati, proprio per la scomparsa dei grandi carnivori ma che, col loro ritorno, fa diventare sempre meno necessari proprio i cacciatori.

 

La differenza è che da un lato i lupi cacciano per vivere e perché è nel naturale ordine delle cose che sia così, dall'altro i cacciatori lo fanno per divertimento, hobby, passione, chiamatelo come vi pare, ma certamente non lo fanno per necessità.

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 agosto 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 agosto - 06:01

Una tecnologia sviluppata da NeveXN al Polo Meccatronica all'Università di Trento e Demaclenko, azienda produttrice di impianti di innevamento che fa capo al gruppo Leitner. Umberto Capitani: "Dobbiamo essere orgogliosi perché questa tecnologia è tutta Made in Italy tra Lombardia, Trentino e Alto Adige"

19 agosto - 10:55

Ieri sembrava che le fiamme fossero state domate completamente ma alcuni focolai hanno ricominciato a bruciare. Nei giorni scorsi il fuoco si era esteso fino a 40 ettari di bosco ma ora la zona colpita sembra molto più vasta

18 agosto - 20:28

Dopo il duro attacco sui social di una camperista contro l'amministrazione comunale di Andalo in Paganella, abbiamo chiesto alla polizia della Valle di Fassa cosa prevede il codice della strada

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato