Contenuto sponsorizzato

Abbatte un cervo, trovato il bracconiere

Nella notte del 20 ottobre il personale forestale è stato allertato dal colpo d'arma da fuoco nella riserva di Rabbi. Il cacciatore risponderà per diversi illeciti. Il monitoraggio della riserva resta costante

Pubblicato il - 18 novembre 2016 - 16:38

RABBI. Un'operazione antibraccongaggio in Valle di Rabbi si è conclusa positivamente grazie all'intervento della stazione forestale di Malè supportata dall'Ufficio distrettuale forestale di Malè.

 

Le forze dell'ordine erano impegnate da tempo nel monitoraggio della riserva di Rabbi, in quanto si riteneva fossero in corso attività di bracconaggio.

 

Nella notte del 20 ottobre scorso, il personale forestale ha avvertito un colpo d'arma da fuoco nei pressi dell'abitato, senza riuscire però in un primo momento a individuare il responsabile.

 

Le indagini svolte nei giorni successivi hanno portato prima al rinvenimento dei resti di un esemplare di cervo adulto, quindi è stato individuato in un cacciatore della riserva la responsabilità dell’abbattimento dell'animale.

 

Il "trofeo", che era nascosto presso l'abitazione dell'uomo, è stato sequestrato. Al cacciatore sono stati contestati inoltre diversi illeciti in materia venatoria quali la caccia notturna in vicinanza di abitazioni senza denuncia di abbattimento e senza assegnazione del capo, oltre all'illecito abbandono delle spoglie del cervo.

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 luglio 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 luglio - 19:40

Andrea Franzoi, padre della piccola Elena, ha voluto ringraziare la moglie che ha gestito alla grande l'intera situazione ma anche gli operatori 112/118 e i soccorritori per la velocità, la gentilezza e la professionalità 

21 luglio - 06:01

Lo chiede il circolo di Levico al segretario Muzio. L'intenzione è quella di uscire dall'impasse dei nomi partendo prima da un programma condiviso. Un documento consegnato al segretario in vista dell'assemblea di lunedì

21 luglio - 19:02

Un tifoso veneto è stato colpito alla testa da una bottiglia. Sul posto polizia e carabinieri, ma anche la Digos per sentire le testimonianze e visionare le immagini. Allerta massima per evitare un nuovo contatto terminata la partita amichevole

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato