Contenuto sponsorizzato

Gli offrirono una porzione di pesce arrostito; egli lo prese e lo mangiò davanti a loro

Nelle domeniche seguenti la Pasqua del Signore, le letture vertono attorno alle apparizioni del Risorto ed oggi il brano proposto dalla Chiesa cattolica è tratto dal vangelo secondo Luca
Dal blog di Alessandro Anderle - 14 aprile 2018 - 23:06

Nelle domeniche seguenti la Pasqua del Signore, le letture vertono attorno alle apparizioni del Risorto ed oggi il brano proposto dalla Chiesa cattolica è tratto dal vangelo secondo Luca.

 

Lc 24,35-48 In quel tempo i due discepoli tornati da Emmaus narravano ciò che era accaduto lungo la via e come avevano riconosciuto Gesù nello spezzare il pane. Mentre essi parlavano di queste cose, Gesù in persona stette in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». Sconvolti e pieni di paura, credevano di vedere un fantasma. Ma egli disse loro: «Perché siete turbati, e perché sorgono dubbi nel vostro cuore? Guardate le mie mani e i miei piedi: sono proprio io! Toccatemi e guardate; un fantasma non ha carne e ossa, come vedete che io ho». Dicendo questo, mostrò loro le mani e i piedi. Ma poiché per la gioia non credevano ancora ed erano pieni di stupore, disse: «Avete qui qualche cosa da mangiare?». Gli offrirono una porzione di pesce arrostito; egli lo prese e lo mangiò davanti a loro.

 

Poi disse: «Sono queste le parole che io vi dissi quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella legge di Mosè, nei Profeti e nei Salmi». Allora aprì loro la mente per comprendere le Scritture e disse loro: «Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. Di questo voi siete testimoni».

 

Dopo il racconto dell'apparizione di Gesù ai discepoli di Emmaus, i quali non lo riconosceranno immediatamente, dalle sue “apparenze”, ma avranno bisogno di rivivere assieme a lui il momento della frazione del pane per capire chi egli fosse davvero. Ora, tornati i discepoli a Gerusalemme, desiderano raccontare a tutti gli altri membri della neonata comunità quanto era loro accaduto. Proprio durante il racconto, però, Gesù appare nuovamente a tutti i presenti.

 

Come per il racconto letto la scorsa settimana da Giovanni, in cui Tommaso – uno dei discepoli – ebbe bisogno di toccare le ferite ancora aperte di Gesù, per credere che fosse autenticamente lui, così anche Luca riporta le parole del Risorto appena entrato nella stanza: «guardate le mie mani e i miei piedi: sono proprio io! Toccatemi e guardate; un fantasma non ha carne e ossa, come vedete che io ho». L'evangelista, però, non si accontenta di sottolineare la concretezza “corporea” di Gesù dopo la risurrezione, si spinge oltre.

 

«[Gesù] disse: “Avete qui qualche cosa da mangiare?”. Gli offrirono una porzione di pesce arrostito; egli lo prese e lo mangiò davanti a loro». Come aveva fatto in vita, tanto da venire accusato di essere “sempre a tavola (con pubblicani e peccatori)”,  così anche dopo la morte Gesù chiede qualcosa da mangiare e condivide un pasto – per quanto frugale – con i discepoli, i compagni di viaggio appena lasciati in una notte esistenziale e già ritrovati. In questa vita nuova, da cui i credenti posso chiamare Gesù il “Cristo” del Signore, è proprio lui a dire a chi crede che permarrà, comunitariamente e in modo singolare, financo nei propri bisogni, come lo è quello di mangiare. Vita nuova e nuova vita che si intrecciano e si proiettano prospetticamente in un futuro che qui, ora, esige la pienezza di una vita vissuta al servizio della Parola di amare «il prossimo tuo come te stesso».

Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 aprile - 06:01

Sono stati citati a giudizio il Consorzio di miglioramento fondiario di Darzo e Lodrone assieme al presidente Narcino Marini. I sindaco di Storo, Luca Turinelli: "Difficile capire dove il Consorzio troverà i soldi se arrivasse una condanna"

22 aprile - 17:52

A lui, tenente che combatté a fianco di Damiano Chiesa, sarà dedicata una mostra curata da Epifanio Delmaschio e dalla nipote Lavinia Pasquali. Dal 9 al 13 maggio a Rovereto in piazza del Suffragio. La figlia Isabella de Lindegg: "Ha fatto tanto per la sua terra"

22 aprile - 15:54

Il racconto della giornata: proteste fin dalla mattina, qualche tensione e sei attivisti che si arrampicano sugli ippocastani per impedire che vengano abbattuti. Le opposizioni: "Arroganza". Ma il primo cittadino: "Non si arretra di un millimetro"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato