Contenuto sponsorizzato
Un viaggio nella 'memoria' argentina su dittatura militare e desaparecidos, scoprendo tra questi una discendente trentina: Maria Angelica Ferrari
Era una studentessa di biochimica, prelevata da casa sua nel 1977 e trovata massacrata. Ma ora l'attenzione delle madri di Plaza de Mayo è su Santiago Maldonado, un giovane che nello scorso agosto di quest’anno è stato “prelevato” dalla polizia durante una manifestazione organizzata dalla Comunità Mapuche in Patagonia
Dal blog di Giuseppe Ferrandi - 09 ottobre 2017 - 16:22

La realtà argentina mi ha colpito moltissimo per l’intreccio tra passato e presente. Per quanto possa essere superficiale la conoscenza che ho ricavato da un viaggio di dieci giorni, posso assicurarvi che vi sono motivi di estremo interesse.

 

L’occasione è stato un viaggio istituzionale promosso dalla Provincia di Trento che mi ha dato l’occasione, parlando della nostra Grande Guerra, di frequentare molti discendenti trentini e di entrare in contatto con istituzioni argentine che si occupano di storia e di memoria.

 

Vorrei tornare prossimamente sulla realtà dei trentini in Argentina e concentrarmi in questa occasione sulla memoria (attuale) della dittatura militare e dei desaparecidos.

 

Durante il mio soggiorno, difronte alla Casa Rosada di Buenos Aires ho assistito alla settimanale manifestazione delle madri  di Plaza de Mayo e dei sostenitori dei diritti civili. Il tema all’ordine del giorno è la campagna di protesta e di denuncia per la sparizione di Santiago Maldonado, un giovane di 28 anni che il 1 agosto di quest’anno è stato “prelevato” dalla polizia  nel corso di una manifestazione organizzata dalla Comunità Mapuche in Patagonia.

 

E’ evidente il collegamento con i 30.000 desaparecidos che i militari argentini hanno fatto “sparire” tra il 1976 e il 1983. Il caso è molto dibattuto anche perché si intreccia alla difesa dei diritti di questa comunità indigena e perché è diventato elemento non secondario della campagna elettorale (elezioni di medio termine, che si svolgeranno il 22 ottobre).   

Tra memoria e attualità politica. Una parte dell’opinione pubblica sostiene che il caso di Santiago sia lontano anni luce dal terrorismo di Stato attuato ai tempi delle giunte militari guidate da Videla e da Viola. Vi è una parte che sottolinea la continuità tra quel passato drammaticamente recente e l’oggi, insistendo sulla responsabilità dell’attuale governo.

 

Difficile capire cosa succede in Argentina oggi al di là dello scontro tra Maurizio Macri, attuale presidente, e Cristina Kirchner. Francamente riesco  a capire poco quello che avviene in questo momento nel nostro Paese. Immaginate nell’Argentina del peronismo e delle frequenti “parentesi” gestite dai militari.

 

Mi è bastato, accompagnato dal giornalista Mariano Roca, vedere una grande manifestazione di protesta della sinistra con le sue decine di sigle, movimenti, partitini. O tentare di capire, senza riuscirvi del tutto, la composizione degli schieramenti in campo secondo le classiche categorie della politica.

 

Torno sulla memoria della dittatura e dei desaparecidos perché l’Argentina sembra affrontare la questione con particolare rigore e coraggio. Sicuramente esistono delle ambiguità e vi è uno scontro sull’uso pubblico della memoria e del tema dei diritti umani.

Ciò non impedisce che vi sia a Buenos Aires uno straordinario “luogo” espositivo ed educativo realizzato presso l’ESMA, la scuola di meccanica della marina militare, che era un centro di detenzione e di tortura clandestino e che ospita l’Archivio nazionale della memoria: una finestra aperta sui processi ancora in corso e sulla ricerca di verità e di giustizia.

Un luogo analogo l’ho trovato a Cordoba. In quella che è stata la sede della polizia a pochi metri dalla splendida cattedrale vi si torva il sito della memoria. All’ingresso, sulla strada, un poliziotto in divisa spiegava a un gruppo di studenti la funzione avuta dal centro di detenzione. All’interno ricercatori e studiosi lavorano al recupero di testimonianze e alla loro conservazione e divulgazione.

 

Tra i desaparecidos vi sono anche discendenti trentini. E quello che mi ha spiegato la ricercatrice Ana Miravales, che gestisce un interessante blog  “Trentinos en Bahia Blanca” e che lavora in un innovativo museo.

 

E’ il caso di Maria Angelica Ferrari, studentessa di biochimica e militante della Gioventù Universitaria Peronista, prelevata da casa sua nel febbraio 1977 e trovata massacrata a La Plata il 21 aprile dello stesso anno dopo alcuni mesi di permanenza nel centro clandestino “La Escuelita”.      

 

Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 13:27

La conferenza questa mattina al Magnete organizzata della Lega Nord. Aboulkheir Breigheche: "Vergognoso etichettare le persone solamente per l'appartenenza religiosa"

20 ottobre - 06:55

Si spazia dalle patologie più sintomatiche, quali depressione, ansia, panico e forme fobiche ai problemi di transizione come adolescenza e anzianità. Pacher: "Non è mai banale riconoscere i sintomi di un disturbo psicologico da quello di una fase della vita. Anche l'elaborazione di un lutto, la perdita del lavoro o il mobbing possono essere causa di disagio"

20 ottobre - 12:34

Secondo la Guida 2018 dell'Espresso i ristoranti premiati di qua e di là da Salorno sono 8 contro 25. Quattro cappelli per l'Hotel Rosa Alpina St. Hubertus Badia e tre per Auener Hof Terra Sarentino. Tre cappelli per il cuoco di Roncegno Baldessari. Ecco la ricetta del piatto più buono dell'anno

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato