Contenuto sponsorizzato

Questa legge elettorale impedisce a Trentini e Altoatesini di scegliersi i rappresentanti. E' una porcata.

Il Governo ha posto la fiducia sulla legge elettorale, cioè sulla legge che permette ai cittadini di eleggere i propri rappresentanti in Parlamento. Lo ha fatto Mussolini nel 1923, questo è fascismo
Dal blog di Riccardo Fraccaro - 11 ottobre 2017 - 22:32

Il Governo ha posto la fiducia sulla legge elettorale, cioè sulla legge che permette ai cittadini di eleggere i propri rappresentanti in Parlamento. Lo ha fatto Mussolini nel 1923.

 

Questo è un atto fascista, perché non ci permette di proporre delle modifiche e di migliorare questa legge, una legge che tra le altre cose impedisce ai Trentini e agli Altoatesini di scegliere i propri rappresentanti. 

 

Con questa legge, ancora una volta, i capibastone nomineranno i propri lacchè e avremo un Parlamento fatto di persone che obbediscono a un capo e non ai cittadini. Ma soprattutto si favorisce la cosiddetta “ammucchiata”, quella che hanno sempre detto di voler eliminare, cioè i piccoli partitini che fanno il bello e il cattivo tempo.

 

Questa legge non favorisce né la governabilità, né tanto meno la rappresentatività del popolo italiano. È una porcata.

 

 

Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 dicembre - 10:23

 Entrambe le piazze sono state dotate di un sistema di luce in caso di black out e sono circa una sessantina i presidi sanitari e antincendio presenti in centro storico. Tra le novità di quest'anno la torre presente in piazza Fiera 

12 dicembre - 21:21

Gli architetti di Campomarzio, questa sera, hanno presentato il loro disegno per Piedicastello. Un contributo per poter aprire la discussione e per provare a pensare al quartiere in maniera organica e finalmente come se facesse parte della città. A unirlo a via Verdi una passerrella 

12 dicembre - 21:47
Una querelle che si trascina tra il rettorato e l'assemblea degli studenti della facoltà di giurisprudenza di Lisbona da diverso tempo. Mesi e mesi di dialogo, ma sono ancora tanti i punti irrisolti all'ordine del giorno. Carlotta Capizzi: "Sono rimasta sorpresa ma questa protesta non è un fulmine a ciel sereno"
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato