Contenuto sponsorizzato
La siccità spinge verso i masi i cinghiali del Chiese
Gli animali stanno abbandonando il fondovalle anzitempo. In quota la neve che si scioglie permette di trovare bulbi e insetti
Dal blog di Sergio Ferrari - 09 luglio 2017 - 18:19

La siccità ha costretto i cinghiali della Valle del Chiese ad abbandonare anzitempo il fondovalle, dove non trovavano cibo fresco, a salire sui masi di mezza montagna. La neve si scioglie prima e quindi i selvatici trovano bulbi e insetti scavando il terreno con il grugno.

 

Gli addetti all’ufficio agricolo di Tione non hanno finora ricevuto denunce di danni con richiesta di indennizzo.

 

Non è escluso che danni siano stati effettivamente compiuti dai cinghiali, ma le pratiche per ottenere l’indennizzo comportano tempo e spese superiori all’indennizzo stesso e quindi spesso non viene richiesto dai diretti interessati.

Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 novembre - 19:14

Questa la decisione del gip Forlenza che oggi ha concluso l'udienza preliminare. Il processo inizierà il 12 aprile del prossimo anno. Da Itas richieste di risarcimento milionarie

17 novembre - 13:05

Entrano fin davanti alla porta dell'assessora all'Università e appiccicano un cartello con le richieste. Sara Ferrari: "Abbiamo stanziato e confermato anche per i prossimi anni un milione di euro ma io mi confronto con i rappresentanti eletti"

17 novembre - 06:47

Il Consorzio nazionale apicoltori imputa il crollo generalizzato al clima e ai pesticidi. Facchinelli: "Nel nostro caso i contadini non c'entrano. Il problema sono state le gelate e le grandinate. Il miele d'acacia è scomparso al 100%. Per fare apicoltura in Trentino bisogna spostarsi di prato in prato e dobbiamo essere aiutati"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato