Contenuto sponsorizzato

L'anno scorso morirono sette giovenche in Val di Non per i moscerini Simulidi. Ecco come difendersi

Dall’esperienza maturata quando era veterinario provinciale, Costanzi ricorda che le malghe maggiormente esposte ai simulidi si trovano nel Lomaso (Giudicarie esteriori) e sul monte Baldo in Vallagarina
Dal blog di Sergio Ferrari - 05 giugno 2018 - 20:43

Lo scorso anno ai primi di giugno in una malga della Val di Non morirono sette giovenche poco dopo l’arrivo in alpeggio a causa di un attacco massiccio di moscerini della famiglia Simulidi. Carlo Costanzi medico veterinario a riposo ricorda alcune misure preventive.

 

I simulidi completano il loro sviluppo in corsi d’acqua localmente stagnanti prima di farsi trasferire in quota dalle correnti d’aria ascensionali o grazie al trasferimento autonomo. E’ quindi opportuno evitare che i bovini rimangano all’aperto nelle ore calde del giorno.

 

E’utile coprire con uno spesso strato di grasso le parti degli animali prive di peli e quindi direttamente esposte alle punture dei temibili succhiatori di sangue. Dall’esperienza maturata quando era veterinario provinciale, Costanzi ricorda che le malghe maggiormente esposte ai simulidi si trovano nel Lomaso (Giudicarie esteriori) e sul monte Baldo in Vallagarina.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 Agosto
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 agosto - 20:20

Dopo che ieri sera l'assemblea del partito ha democraticamente scelto di non puntare sul governatore uscente come candidato presidente il segretario ha fatto un passo indietro ma dal Pd nazionale è arrivato un imbarazzante diktat: ''Non si cambia linea. Convocate un'altra assemblea alla presenza di un esponente della segreteria nazionale del Pd"

17 agosto - 19:19

La guardia di finanza ha immobilizzato oltre 400 mila euro di beni e conti correnti ad Adriano Peterlini. Gli viene contestato anche che per evitare la confisca dei beni avrebbe simulato la compravendita di un’automobile intestata alla società con una ditta di Verona, il cui socio unico è la moglie

17 agosto - 19:57

L'incidente è successo alle porte di Andalo. Quattro i feriti trasportati al Santa Chiara. Sul posto tre ambulanze e l'elicottero, i pompieri di zona, i carabinieri di Cles e la polizia locale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato