Contenuto sponsorizzato
Le api sentono il caldo? Nell'arnia no perché col battito d'ali mantengono la temperatura stabile
La siccità le mette, comunque, in pericolo perché fa appassire i fiori e asciugare il nettare. Ecco perché il buon apicoltore deve assicurare alle api una continua disponibilità d'acqua
Dal blog di Sergio Ferrari - 04 agosto 2017 - 19:03

Il clima caldo che durava da settimane e si è prolungato anche nella terza decade di giugno ha creato difficoltà alle api. Lo afferma Paolo Fontana, coordinatore del gruppo apicoltura della Fondazione Mach, che però fa una distinzione.

 

Il surriscaldamento all’interno dell’arnia non si verifica perché le api mantengono una temperatura stabile di 36 gradi mediante il battito delle ali.

 

Il caldo può invece far appassire i fiori e asciugare il nettare al loro interno o la melata che si trova sugli abeti. L’apicoltore deve assicurare alle api una sufficiente e continua disponibilità di acqua

Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 agosto - 17:54

Tra Ghost town, villaggi indiani e la Monument valley, ma anche temperature altissime e tempeste di sabbia, il trentino ha raggiunto la terra di confine a nord-ovest del continente americano: "In Alaska ci sono solo tre stagioni: luglio, agosto e l'inverno. Qui nevica già"

20 agosto - 06:13

Le denunce di infortuni colpiscono soprattutto  i settori terziario e agricoltura. Per la Cgil e la Cisl  "Incremento legato alla crescita economica" mentre per la Uil "Caduta di attenzione sulla sicurezza nei posti di lavoro"

20 agosto - 17:17

L'uomo, un 43enne bulgaro, è stato colto da un malore. Si trovava sulla Marmolada a quota 3.200 poco dopo la ferrata di Punta Penia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato