Contenuto sponsorizzato

Le api sentono il caldo? Nell'arnia no perché col battito d'ali mantengono la temperatura stabile

La siccità le mette, comunque, in pericolo perché fa appassire i fiori e asciugare il nettare. Ecco perché il buon apicoltore deve assicurare alle api una continua disponibilità d'acqua
Dal blog di Sergio Ferrari - 04 agosto 2017 - 19:03

Il clima caldo che durava da settimane e si è prolungato anche nella terza decade di giugno ha creato difficoltà alle api. Lo afferma Paolo Fontana, coordinatore del gruppo apicoltura della Fondazione Mach, che però fa una distinzione.

 

Il surriscaldamento all’interno dell’arnia non si verifica perché le api mantengono una temperatura stabile di 36 gradi mediante il battito delle ali.

 

Il caldo può invece far appassire i fiori e asciugare il nettare al loro interno o la melata che si trova sugli abeti. L’apicoltore deve assicurare alle api una sufficiente e continua disponibilità di acqua

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 luglio 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 luglio - 19:40

Andrea Franzoi, padre della piccola Elena, ha voluto ringraziare la moglie che ha gestito alla grande l'intera situazione ma anche gli operatori 112/118 e i soccorritori per la velocità, la gentilezza e la professionalità 

21 luglio - 06:01

Lo chiede il circolo di Levico al segretario Muzio. L'intenzione è quella di uscire dall'impasse dei nomi partendo prima da un programma condiviso. Un documento consegnato al segretario in vista dell'assemblea di lunedì

21 luglio - 19:02

Un tifoso veneto è stato colpito alla testa da una bottiglia. Sul posto polizia e carabinieri, ma anche la Digos per sentire le testimonianze e visionare le immagini. Allerta massima per evitare un nuovo contatto terminata la partita amichevole

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato