Contenuto sponsorizzato

Nidi artificiali per uccelli rapaci, un fattore per limitare topi e arvicole

Un nido di questo tipo costa da 100 a 120 euro e ne serve uno ogni cinque ettari di frutteto. Gli uccelli rapaci rappresentano uno dei fattori limitanti della popolazione di topi e arvicole che possono arrecare danni alle piante di melo soprattutto giovani
Dal blog di Sergio Ferrari - 08 febbraio 2018 - 20:12

Gli uccelli rapaci rappresentano uno dei fattori limitanti della popolazione di topi e arvicole che possono arrecare danni alle piante di melo soprattutto giovani.

 

Ma da soli non riuscirebbero a contenere del tutto l’infestazione. Lo afferma Paolo Pedrini, zoologo del Muse.

 

Sergio Abram  naturalista che unisce all’attività di ricercatore di pieno campo la capacità di divulgare con i libri quanto va scoprendo, insiste nell’affermare che la presenza dei rapaci dovrebbe essere assecondata esponendo nei frutteti nidi artificiali adatti ad ospitarli.

 

Un nido di questo tipo costa da 100 a 120 euro e ne serve uno ogni 5 ettari di frutteto.

 

Per Roberto Paternoster, frutticoltore di Ton nella bassa Val di Non, topi e arvicole sono numerosi nella media e alta val di Non e non nella bassa perché le reti antigrandine impediscono ai rapaci di raggiungere topi e arvicole che si possono pertanto riprodurre a dismisura.

 

Questo non succede nella bassa Val di Non dove le reti non sono presenti.  

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 maggio 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 19:58

Oltre 250 i partecipanti alla marcia promossa dall'associazione "Rinascita di Torre Vanga". Presenza politica trasversale. Borgognoni: "Serve un controllo continuo del territorio per eliminare la criminalità dalle nostre strade"

26 maggio - 12:18

Avevano postato scritte offensive sul social nei confronti di una ragazza di 16 anni. Dopo la denuncia le perquisizioni alla ricerca del telefono da cui era stato inviato il messaggio

26 maggio - 20:02

In un'intervista rilasciata a Silvia Toffanin a Verissimo su Canale 5 la showgirl racconta della dedizione del personale del Centro di protonterapia: "Medici che lavorano giorno e notte per salvare questi piccoli pazienti"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato