Contenuto sponsorizzato

Non nevica? La qualità della vita dei caprioli migliora

Questa specie è dotata di zampe deboli e zoccoli piccoli e gli animali rimangono bloccati o procedono con molta fatica. Discorso diverso invece per cervi, camosci e ungulati
Dal blog di Sergio Ferrari - 28 dicembre 2016 - 23:16

La selvaggina, dice il naturalista Sergio Abram esperto di fauna alpina, trae vantaggio dall’assenza di neve.

 

Quando lo spessore dello strato bianco supera l’altezza dell’animale, il primo a trovarsi in difficoltà è il capriolo.

 

La specie è infatti dotata di zampe deboli e zoccoli piccoli. Gli animali rimangono bloccati o procedono con molta fatica.

 

Si difendono meglio i cervi e i camosci che hanno zampe e zoccoli più robusti. Queste ed altre specie di ungulati d’inverno si riuniscono di solito in gruppi costituiti da soggetti di età diverse ma appartenenti alla stessa famiglia.

 

Se lo spessore della neve non è troppo alto, allontanano con le zampe l’ostacolo per mettere a nudo erba ancora verde, muschi e licheni. Si nutrono anche di rametti e teneri germogli. 

Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 gennaio - 19:05

I finanziamenti decisi dal Governo (55,5 milioni all'Università di Trento) hanno acceso la miccia e tra le università venete e quella trentina è "scoppiata una meme war" capace di far superare la storica rivalità tra Padova e Ca' Foscari. La sfida è a colpi di immagini e battute goliardiche, tutta da ridere

18 gennaio - 20:12

Le ricerche si concentrano in quell'area in quanto era stato avvistato da alcuni passanti nel primo pomeriggio, mentre l'allarme è scattato intorno alle 17.15

18 gennaio - 19:54

Al via la nuova campagna di prevenzione in Trentino contro i tumori a mammella, collo dell'utero e colon retto. Tra le ultime novità: la tomosintesi, una mammografia tridimensionale molto più efficace, e il nuovo screening molecolare per la ricerca del papilloma virus

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato