Contenuto sponsorizzato

Non nevica? La qualità della vita dei caprioli migliora

Questa specie è dotata di zampe deboli e zoccoli piccoli e gli animali rimangono bloccati o procedono con molta fatica. Discorso diverso invece per cervi, camosci e ungulati
Dal blog di Sergio Ferrari - 28 dicembre 2016 - 23:16

La selvaggina, dice il naturalista Sergio Abram esperto di fauna alpina, trae vantaggio dall’assenza di neve.

 

Quando lo spessore dello strato bianco supera l’altezza dell’animale, il primo a trovarsi in difficoltà è il capriolo.

 

La specie è infatti dotata di zampe deboli e zoccoli piccoli. Gli animali rimangono bloccati o procedono con molta fatica.

 

Si difendono meglio i cervi e i camosci che hanno zampe e zoccoli più robusti. Queste ed altre specie di ungulati d’inverno si riuniscono di solito in gruppi costituiti da soggetti di età diverse ma appartenenti alla stessa famiglia.

 

Se lo spessore della neve non è troppo alto, allontanano con le zampe l’ostacolo per mettere a nudo erba ancora verde, muschi e licheni. Si nutrono anche di rametti e teneri germogli. 

Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 aprile - 18:23

Botta e risposta sul Centro di Protonterapia. Il grillino interroga la Giunta per chiedere lumi sulla campagna pubblicitaria pagata dalla Pat. L'assessore risponde duramente: "Ho applicato mozione votata in Consiglio da maggioranza e minoranza, compreso il M5S"

19 aprile - 12:35

Dopo il coinvolgimento nell'indagine del Pm Pasquale Profiti, Alessandro Zorer posta un messaggio su Facebook: "E' una situazione che non avrei mai previsto, conto di chiarire presto la mia posizione"

19 aprile - 16:05

La gamba della giovane si è incastrata tra la ruota e il parafango del mezzo. I vigili del fuoco hanno dovuto alzare il veicolo per estrarre la ferita portata al Santa Chiara

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato