Contenuto sponsorizzato

Piantare o rinnovare vigneti: domande per 164.895 ettari, soddisfatte per 6.458 ettari

La domanda di barbatelle sarà molto elevata visto l'enorme divario su scala nazionale fra domande di autorizzazione a piantare e richieste effettivamente soddisfatte
Dal blog di Sergio Ferrari - 16 luglio 2017 - 18:21

Il forte divario fra domande di autorizzazione a piantare o rinnovare vigneti e richieste effettivamente soddisfatte autorizza i vivaisti viticoli trentini a ritenere che la domanda di barbatelle sarà molto elevata anche nella primavera del 2018.

 

A livello nazionale le richieste riguardavano complessivamente 164.895 ettari. Le richieste soddisfatte arrivano appena a 6.458 ettari. Le maggiori richieste ai vivaisti trentini arriveranno, sostiene il direttore della cooperativa di Padergnone, dal Veneto e dal Friuli per Glera da Prosecco e Pinot grigio e dalla Puglia per il vitigno Primitivo.

 

Giova far presente che il forte divario sopraindicato deriva dal fatto che l’Unione Europea ha fissato il limite dell’1% della superficie a vigneto dei singoli Paesi e/o Regioni al numero di ettari per i quali le autorità competenti possono concedere l’autorizzazione ad eseguire nuovi impianti o sostituire impianti precedenti, eliminati per motivi tecnici e/o commerciali

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 maggio 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 13:25

Nella delibera di una settimana fa che stanziava 4 milioni di euro per "Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione" venivano assegnati 10 punti in più se a fare domanda erano migranti e richiedenti asilo. Le opposizioni e le destre erano già, giustamente, sul piede di guerra. Ma la frase è discriminatoria. Rossi: "Abbiamo corretto l'errore" 

25 maggio - 15:27

L'azione dei carabinieri di Primiero San Martino, intervenuti dopo le segnalazioni di diversi residenti fino a cento metri di distanza dalla stalla in questione. Nei guai un allevatore agricolo della zona

25 maggio - 13:31

Le indagini, coordinate da Pasquale Profiti della procura di Trento, ha emesso il provvedimento di custodia cautelare in carcere nei confronti di Stefano Ramunni, che si trova ora al carcere di Genova Marassi. Operazione condotta dai carabinieri di Canal San Bovo

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato