Contenuto sponsorizzato
Sostituire la trota Fario con la più pregiata trota Marmorata? Si può fare. Ecco l'esperimento fatto nel torrente Ischielle
La trota Fario è stata eliminata mediante ripetute battute con pesca elettrica e sostituita con immissione di uova e avannotti di trota Marmorata che ha raggiunot, così, anche le acque dell'Avisio
Dal blog di Sergio Ferrari - 18 aprile 2017 - 20:54

Il prossimo numero di Dendronatura, periodico semestrale dell’Associazione forestale del Trentino, ospiterà un articolo di Leonardo Pontalti ittiologo dell’Ufficio faunistico della Provincia di Trento. Contiene la descrizione e i risultati di un esperimento durato 3 anni che aveva lo scopo di dimostrare la possibilità di sostituire la trota Fario con la più pregiata trota Marmorata nei torrenti di montagna.

 

L’esperimento è stato realizzato nella parte alta del torrente Ischielle che nasce a monte del paese di Lisignago in Val di Cembra e sfocia nell’Avisio. La trota Fario è stata eliminata mediante ripetute battute con pesca elettrica e sostituita con immissione di uova e avannotti di trota Marmorata.

 

Il risultato è stato raggiunto e in più si è costatato che dal torrente Ischielle la trota Marmorata si è trasferita in parte nell’Avisio. Il progetto, dice Pontalti, può essere ripetuto in altri torrenti di montagna, purché si possa raggiungere senza eccessive difficoltà e presenti sponde percorribili da parte degli operatori. 

Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 novembre - 19:14

Questa la decisione del gip Forlenza che oggi ha concluso l'udienza preliminare. Il processo inizierà il 12 aprile del prossimo anno. Da Itas richieste di risarcimento milionarie

17 novembre - 13:05

Entrano fin davanti alla porta dell'assessora all'Università e appiccicano un cartello con le richieste. Sara Ferrari: "Abbiamo stanziato e confermato anche per i prossimi anni un milione di euro ma io mi confronto con i rappresentanti eletti"

17 novembre - 06:47

Il Consorzio nazionale apicoltori imputa il crollo generalizzato al clima e ai pesticidi. Facchinelli: "Nel nostro caso i contadini non c'entrano. Il problema sono state le gelate e le grandinate. Il miele d'acacia è scomparso al 100%. Per fare apicoltura in Trentino bisogna spostarsi di prato in prato e dobbiamo essere aiutati"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato