Contenuto sponsorizzato
Tartufaie trentine a secco. Colpa della siccità e dei raccoglitori senza regole
Sono prossime all’esaurimento buona parte delle tartufaie che un tempo si riscontravano soprattutto nella Valle dei Laghi e sulla sponda destra della Valle dell’Adige e della Vallagarina. Colpa anche dei raccoglitori locali che aggredivano le tartufaie con la zappa o il rastrello
Dal blog di Sergio Ferrari - 10 gennaio 2017 - 19:09

Delle varie specie di tartufo che crescono in Trentino il tartufo nero d’inverno (nome latino Tuber melanosporum) è la più pregiata. Quest’anno, dice un raccoglitore esperto, la siccità ha ridotto la produttività delle tartufaie presenti in diverse zone del Trentino.

 

Al di là della situazione contingente, l’esperto segnala l’esaurimento di buona parte delle tartufaie che un tempo si riscontravano soprattutto nella Valle dei Laghi e sulla sponda destra della Valle dell’Adige e della Vallagarina.

 

Lo scempio è stato compiuto sia da raccoglitori locali che aggredivano le tartufaie con la zappa o il rastrello distruggendo il cosiddetto panello ossia lo strato nel quale si trovavano i tuberi sia da razziatori provenienti da regioni confinanti con il Trentino che continuavano a raccogliere o comunque a ricercare tuberi pregiati anche dopo la chiusura del periodo di raccolta fissato da apposita legge provinciale.

 

Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 giugno - 19:10

Isidoro Ruocco, gestore del locale smentisce alcune notizie uscite sulla stampa. Su piazza Dante spiegano che "Gli uffici nei palazzi pensano che la situazione possa migliorare con il 'volemose ben' ma ci sono persone che girano con il coltello in tasca”.  Mercoledì si è deciso di organizzare un “aperitivo solidale per presidiare la piazza”

26 giugno - 12:55

Tra gli appuntamenti più tradizionali della kermesse patronale, la disfida rievoca un episodio accaduto nel VI secolo, ripreso in modi e forme diverse fino al IX secolo e ritornato in auge nel 1984. Ecco la storia e alcune curiosità

26 giugno - 17:31

Sul posto si è subito diretto l'elisoccorso con a bordo i medici rianimatori che hanno subito preso in mano la situazione riuscendo a stabilizzare i segni vitali dell'infortunato

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato