Contenuto sponsorizzato

In Trentino sono 25 le aziende che coltivano canapa. Ora è il momento della semina

Il tecnico della Fem Kaisermann consiglia di procedere all’acquisto del semi di canapa a taglia bassa che arriva al massimo a 1,5 metri di altezza e si può tagliare con una falciatrice adattata. La canapa tradizionale, a taglia alta, è meno adatta per zone di montagna
Dal blog di Sergio Ferrari - 19 marzo 2017 - 21:50

Sono 25 le aziende agricole trentine che nella stagione 2016 hanno coltivato canapa per uso alimentare. Lo afferma Flavio Kaisermann, tecnico della Fondazione Mach che presta consulenza su richiesta anche per altre coltivazioni complementari. Officinali e orticole in particolare.

 

Quest’anno il numero probabilmente aumenterà, tenendo conto che non tutti gli interessati si rivolgono all’ufficio di Kaisermann. E’ tempo, dice l’esperto, di procedere all’acquisto del seme di canapa, sopratutto di quella a taglia bassa che arriva al massimo a 1,5 metri di altezza e si può tagliare con una falciatrice adattata.

 

Il costo è pari a 13-14 euro a kg. Quello della canapa tradizionale a taglia alta, meno adatta per zone di montagna, si ferma a 6,5-7 euro

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 maggio 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 13:25

Nella delibera di una settimana fa che stanziava 4 milioni di euro per "Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione" venivano assegnati 10 punti in più se a fare domanda erano migranti e richiedenti asilo. Le opposizioni e le destre erano già, giustamente, sul piede di guerra. Ma la frase è discriminatoria. Rossi: "Abbiamo corretto l'errore" 

25 maggio - 15:27

L'azione dei carabinieri di Primiero San Martino, intervenuti dopo le segnalazioni di diversi residenti fino a cento metri di distanza dalla stalla in questione. Nei guai un allevatore agricolo della zona

25 maggio - 13:31

Le indagini, coordinate da Pasquale Profiti della procura di Trento, ha emesso il provvedimento di custodia cautelare in carcere nei confronti di Stefano Ramunni, che si trova ora al carcere di Genova Marassi. Operazione condotta dai carabinieri di Canal San Bovo

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato