Contenuto sponsorizzato

Una fecondazione assistita per le trote della specie lacustre

Avvalendosi di elettropesca, gli addetti hanno catturato alcuni esemplari di trota, maschio e femmina, dai quali sono state spremute uova e materiale seminale
Dal blog di Sergio Ferrari - 06 dicembre 2017 - 19:10

Il 23 novembre gli ittiologi dell’Ufficio caccia e pesca della Provincia di Trento hanno coordinato un’operazione di fecondazione assistita di trote della specie lacustre che dal lago di Garda risalivano il torrente Sarca per deporre le uova a monte del lago.

 

Avvalendosi di elettropesca, gli addetti hanno catturato alcuni esemplari di trota, maschio e femmina, dai quali sono state spremute uova e materiale seminale. La fecondazione è avvenuta in vaschette riempite d’acqua. Le uova fecondate sono state portate nell’incubatoio di Dro gestito dall’Associazione pescatori dilettanti Basso Sarca. In primavera le uova embrionate saranno trasferite in telaini di lamiera forate denominate scatole Vibert che saranno collocate nello stesso torrente Sarca ma in tratti ritenuti adatti al loro sviluppo. Questi siti si trovano a monte di briglie che le trote da sole non riescono a superare. Gli esemplari catturati per la fecondazione sono stati rimessi in acqua.

Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 dicembre - 06:50

La perturbazione arrivata in Trentino tra domenica 10 e lunedì 11 dicembre è un evento molto raro. Temperature più alte in montagna rispetto al fondovalle e aumenti in quota tra i 10 e 16 gradi

15 dicembre - 18:01

Il fatto è stato ripreso in apertura di Consiglio provinciale, Dorigatti: "La violenza di genere è un fenomeno trasversale", Claudio Cia: "Questa modalità di 'accoglienza' dei profughi è fallita". La Lega: "Responsabilità politica di chi ci sta governando, comprese quelle donne che si sono battute per una legge a tutela del genere femminile per pura demagogia e propaganda elettorale"

15 dicembre - 16:00

Diversi gli interventi della polizia locale tra quattro ristoratori segnalati alla Procura per inquinamento olfattivo, due mezzi sono stati rimossi nei sobborghi cittadini, ma anche un condominio infestato dagli insetti e una signora multata perché 'pizzicata' dalle telecamere a non fare la raccolta differenziata

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato