Contenuto sponsorizzato
Partecipate: la Pat sblocca le assunzioni di dirigenti, anche di Itea. Non ci siamo
Un provvedimento “ad personam” per favorire qualcuno in particolare? O così, o evidentemente la Pat ritiene i suoi non pochi Dirigenti tutti indispensabili e inamovibili dalle loro attuali posizioni.
Dal blog di Walter Alotti - 19 maggio 2017 - 13:56

Continuiamo a non capire. Dopo lo sblocco delle assunzioni nelle società strumentali della Provincia del febbraio scorso, con l’incremento del numero dei neo assunti fino al 50% della spesa del personale cessato negli anni precedenti, si sbloccano addirittura le assunzioni di personale dirigente in una SpA partecipata, nello specifico ITEA .

 

Si ipotizza, certo, la mobilità volontaria di dirigenti provinciali o delle società partecipate, ma ci si rivolge anche a Direttori e Quadri senza escludere gli Enti strumentali a carattere privatistico, anche se assunti senza nemmeno una selezione pubblica. Un provvedimento “ad personam” per favorire qualcuno in particolare? O così, o evidentemente la PAT ritiene i suoi non pochi Dirigenti tutti indispensabili e inamovibili dalle loro attuali posizioni.

 

Non si procede quindi alle annunciate operazioni di razionalizzazione e compensazione di carenze ed esuberi di Dirigenti delle diverse società partecipate, ma si precostituiscono nuove posizioni di livello dirigenziale, smentendo ancora una volta l’ipotesi della Giunta di una migliore gestione e collocamento delle risorse già in ruolo.

 

Comprese quelle “parcheggiate” al Centro Servizi Condivisi, magari in attesa dei processi di fusione sociale.

Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 novembre - 19:14

Questa la decisione del gip Forlenza che oggi ha concluso l'udienza preliminare. Il processo inizierà il 12 aprile del prossimo anno. Da Itas richieste di risarcimento milionarie

17 novembre - 13:05

Entrano fin davanti alla porta dell'assessora all'Università e appiccicano un cartello con le richieste. Sara Ferrari: "Abbiamo stanziato e confermato anche per i prossimi anni un milione di euro ma io mi confronto con i rappresentanti eletti"

17 novembre - 06:47

Il Consorzio nazionale apicoltori imputa il crollo generalizzato al clima e ai pesticidi. Facchinelli: "Nel nostro caso i contadini non c'entrano. Il problema sono state le gelate e le grandinate. Il miele d'acacia è scomparso al 100%. Per fare apicoltura in Trentino bisogna spostarsi di prato in prato e dobbiamo essere aiutati"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato