Contenuto sponsorizzato

La chiesa di S. Maria Maggiore riaprirà anche il pomeriggio grazie ai volontari. Era stata chiusa per furti e danneggiamenti

La chiesa del Concilio era stata chiusa per decisione del parroco alla fine di ottobre. Ora la riapertura pomeridiana grazie ad un gruppo di carabinieri in congedo assieme ad alcuni volontari

Pubblicato il - 17 dicembre 2017 - 08:52

TRENTO. La basilica di Santa Maria Maggiore a Trento da oggi riaprirà anche nel pomeriggio, dal lunedì al venerdì, dalle ore 14.30 alle ore 17.30.

 

Il 24 ottobre scorso la chiesa del Concilio di Trento aveva deciso di chiudere le porte per cercare di prevenire furti e danneggiamenti visto in numerosi episodi che stavano accadendo. “I problemi ci sono – aveva detto don Andrea Decarli – e abbiamo assistito ad un incremento di furti e danneggiamenti”. Una scelta quindi motivata da un’oggettiva esasperazione e con l’obiettivo di sollecitare una reazione della comunità nel prendersi a cuore la storica aula conciliare.

 

A poco meno di due mesi di distanza è arrivata la nuova decisione, dopo che il parroco ha incontrato i volontari che si sono resi disponibili per garantire una presenza ai fini della tutela e della sicurezza del luogo di culto.

 

L’intervento dell’Amministrazione  cittadina ha consentito il contatto con un gruppo di carabinieri in congedo di Trento che, insieme ad altri volontari, hanno offerto la loro disponibilità, a turno, per una presenza pomeridiana. Ciò consentirà la riapertura nei giorni feriali, mentre nei festivi la chiesa resterà accessibile per le celebrazioni liturgiche.
“Saranno ben accolte - sottolinea don Decarli - altre disponibilità di volontari che vorranno aggregarsi al gruppo per questo servizio”.

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.17 del 16 Giugno
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 giugno - 18:41

Lo ha deciso la Corte d'Appello della Corte dei Conti che per la prima volta riconosce il danno erariale causato dall'abbattimento di migliaia di animali. L'ex presidente della Provincia e il suo dirigente sono finiti nei guai per un centinaio di decreti che consentivano ai cacciatori di sparare. La Lav: "Speriamo che la Provincia di Trento e Bolzano ora non compiano lo stesso errore con lupi e orsi"

18 giugno - 12:32

Trovati all'interno dell'abitacolo di un camion 10 panetti di droga per un totale di 11 chili dal valore approssimativo di 800 mila euro al dettaglio. L'autista, di origini campane, fermato con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio con l'aggravante della transnazionalità

18 giugno - 12:45

Tre amici stavano affrontando la via normale sulla Grande delle Tre Cime quando hanno perso l'orientamento. Accortisi dello sbaglio hanno provato a scendere ma l'appiglio si è staccato e un uomo è precipitato per oltre 100 metri nel vuoto

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato