Contenuto sponsorizzato

Cocaina, eroina e hashish, aveva due etti di droga in casa e tre cellulari per accontentare i clienti, un uomo in manette

Guardia di finanza in azione con le unità cinofile, un'operazione che ha portato all'arresto di un tunisino. Da novembre cinque persone arrestate e oltre mezzo chilo di stupefacenti sequestrato 

Pubblicato il - 11 gennaio 2018 - 18:36

TRENTO. E' stato 'pizzicato' con circa due etti di droga leggera e pesante per un valore complessivo di 5 mila euro. Nei guai un tunisino che è stato arrestato al termine di un'operazione della guardia di finanza.

 

Le fiamme gialle di Trento stavano monitorando da qualche tempo alcune persone extracomunitarie, note per essere assidue frequentatrici del centro storico. Una volta individuata l'abitazione in via Ponte Alto, le forze dell'ordine sono entrate in azione con le unità cinofile.

 

Il risultato è il sequestro di 51,7 grammi di cocaina, 51,5 grammi di eroina e 77,9 grammi di hashish. A questo si aggiungono 7 grammi di sostanza da taglio, due bilancini di precisione, tre cellulari, 1.445 di euro e materiale vario per il confezionamento della sostanza stupefacente.

 

Il tunisino è stato arrestato e portato al carcere di Spini. Questa operazione si aggiunge agli ultimi colpi messi a segno dalle fiamme gialle: da novembre scorso i finanzieri hanno sequestrato oltre mezzo chilo di stupefacenti e messo le manette ai polsi di cinque persone.

 

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 gennaio 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Guarda le edizioni precedenti
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 gennaio - 11:02

La malga Albi di Garniga era stata ristrutturata nel 2007. Sul posto i Corpi dei Vigili del fuoco volontari di Garniga, Romagnano, Ravina e Aldeno oltre ai Permanenti di Trento

17 gennaio - 06:01

E' partito il primo gennaio e la Pat lo ha definito "una svolta per le politiche sociali per il contrasto alla povertà". Ma non a tutti è andata bene. Giusppe Adinolfi ci racconta la sua storia: "Abbiamo fatto i conti e mi spettano 744 euro all'anno. Con il Progettone riprenderei a lavorare ad aprile. Come faccio?"

17 gennaio - 10:18

L'azienda era nata negli anni Trenta e la famiglia si era trasferita dalla Sicilia. Ora si passa alla terza generazione, alla guida della Distilleria Alpina andrà il figlio

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato