Contenuto sponsorizzato

Mezzogiorno di fuoco e scoppia la sirena della Torre Civica

Allo scoccare delle 12 la sirena di Torre Civica a Rovereto è scoppiata. Alcuni pezzi avrebbero raggiunto anche piazza Erbe. Fortunatamente non ci sono feriti

Pubblicato il - 14 aprile 2018 - 14:47

ROVERETO. Un mezzogiorno di fuoco a Rovereto. Allo scoccare delle 12 la sirena è, infatti, scoppiata per crollare a terra dalla Torre Civica. Alcuni pezzi sarebbero stati scagliati fino a centinaia metri di distanza e hanno raggiunto piazza Erbe.

 

Fortunatamente in quel momento non stava passando nessuno e quindi non ci sono feriti, ma la paura tra rumore e tonfo della sirena è stata tanta in centro storico.

 

Immediato l'allarme e sul posto sono subito arrivati i vigili del fuoco volontari di Rovereto, i permanenti di Trento e la polizia locale per mettere in sicurezza l'area e l'edificio, ma anche capire le ragioni dell'evento.

 

Le strade limitrofe alla Torre Civica sono state riaperte pochi minuti fa e ora tutto è tornato alla normalità.

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 aprile 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Guarda le edizioni precedenti
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 aprile - 06:01

Sono stati citati a giudizio il Consorzio di miglioramento fondiario di Darzo e Lodrone assieme al presidente Narcino Marini. I sindaco di Storo, Luca Turinelli: "Difficile capire dove il Consorzio troverà i soldi se arrivasse una condanna"

22 aprile - 17:52

A lui, tenente che combatté a fianco di Damiano Chiesa, sarà dedicata una mostra curata da Epifanio Delmaschio e dalla nipote Lavinia Pasquali. Dal 9 al 13 maggio a Rovereto in piazza del Suffragio. La figlia Isabella de Lindegg: "Ha fatto tanto per la sua terra"

22 aprile - 15:54

Il racconto della giornata: proteste fin dalla mattina, qualche tensione e sei attivisti che si arrampicano sugli ippocastani per impedire che vengano abbattuti. Le opposizioni: "Arroganza". Ma il primo cittadino: "Non si arretra di un millimetro"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato