Contenuto sponsorizzato
Brentonico, un orso distrugge le arnie in cerca di miele. In nottata una battuta della Forestale per allontanarlo

Dalle prime verifiche della Forestale sembra si tratti di un esemplare di pochi anni, giovane, forse ancora cucciolo che non risulta essere minaccioso per le persone. In serata, e per tutta la notte, si cercherà di spaventare l'animale spingendolo verso i boschi

Di db - 18 maggio 2017 - 16:16

BRENTONICO. Un orso si aggira nella zona, un orso goloso che vicino alla località denominata Corné ha fatto incetta di miele distruggendo tutte le arnie che lo contenevano. La segnalazione ci arriva da Matteo Marzari che afferma: "Siamo tutti preoccupati perché questo orso sta girando attorno alle case e ai prati dove giocano i bambini tutte le sere".

 

Dal Comune, il sindaco Christian Perenzoni spiega che sono già state attivate tutte le procedure del caso: "Ma la gente si sta stufando - afferma però Marzari - forse la soluzione migliore sarà farsi giustizia da soli, e non si tratta di bracconaggio ma di sicurezza per le nostre famiglie i nostri animali le nostre attività".

 

Ma forse la cosa non è poi così drammatica come sembra: "Dalle prime verifiche della Forestale che subito abbiamo contattato - spiega il sindaco - sembra si tratti di un esemplare di pochi anni, giovane, forse ancora cucciolo che non risulta essere minaccioso per le persone". 

 

Il sindaco riconosce e rispetta il timore degli abitanti della zona ma "ci hanno spiegato che sono soggetti che si spaventano facilmente, che arretrano immediatamente in presenza dell'uomo". non di mamme che devono difendere la cucciolata e in questo caso possono diventare aggressive per istinto.

 

Per risolvere la situazione, o comunque per allontanare il plantigrado dalle zone urbanizzate e forzarlo ad un ritorno nel suo habitat, il sindaco ci spiega che in serata, e per tutta la notte, la squadra di emergenza della Forestale di Tione metterà in atto una vera e propria battuta: "Ma non per catturarlo - spiega Perenzoni - bensì per spaventarlo e mandarlo verso i boschi, lontano dalla località che ultimamente ha preso di mira".

 

In passato l'orso del Baldo era stato visto in più occasioni verso la località San Giacomo, vicino alla Moritgola, ma mai in quella zona. Avvistamenti che avevano fatto scattare un comprensibile allarme, rientrato dopo che la popolazione aveva incontrato in una serata pubblica i vertici della Provincia che si occupano del progetto Life Ursus. "In quell'occasione erano stati spiegati i comportamenti dell'animale, che per natura scappa quando vede una persona, e i comportamenti corretti di chi dovesse incontrarlo nei boschi". 

 

 

Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 maggio - 19:31

Bruno Garzetti. “La prima cosa che manca è l'attenzione ed ora con l'arrivo della bella stagione la percentuale di moto per le strade aumenta di molto e con essa, purtroppo, gli incidenti. La stessa cosa, però, la possiamo dire anche per gli sciatori d'inverno”.

27 maggio - 12:11

Walter Alotti: "Va bene premiare la professionalità ma dovrebbe esserci anche una minima attenzione ai conflitti di interesse ed alla trasparenza. Non si è tenuto minimamente conto nemmeno del Piano Anticorruzione della PAT dove particolare attenzione viene dedicata ai 'coniugi' cooptati nell’Amministrazione e nelle sue Partecipate"

27 maggio - 19:06

L'uomo stava scalando sul Catinaccio con un amico quando è caduto finendo per fratturarsi una gamba. I soccorsi trentini si sono dovuti far assistere da un Pellikan 1 di Bolzano perché gli elicotteri erano già tutti impegnati

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato