Spazio pubblicitario
Donna cade nel bosco per circa 100 metri. Interviene il nucleo speleo-alpino-fluviale e la recupera con le corde

L'intervento con il verricello dell'elicottero non è stato possibile a causa della vegetazione troppo fitta. A dare l'allarme la stessa ferita che ha chiamato un conoscente

Pubblicato il - 19 marzo 2017 - 17:23

CENTA SAN NICOLO'. E' stato un recupero molto complicato perché la ferita era rotolata nel bosco per circa 100 metri e si è reso, quindi, necessario l'intervento del nucleo speleo-alpino-fluviale per salvarlo. L'incidente è accaduto questo pomeriggio, intorno alle 14.30, nei boschi vicino a Centa San Nicolò in zona Valle sulla Vigolana.

 

Una donna di 62 anni ha, probabilmente, messo un piede in fallo ed è scivolata lungo una scarpata a ridosso del bosco. La caduta tra alberi e rami è stata molto dolorosa ma non gli ha fatto perdere i sensi. Prontamente, infatti, dopo essere ruzzolato per un centinaio di metri, ha recuperato il cellulare e ha contattato un conoscente che ha dato l'allarme al 118. Sul posto sono quindi giunti i vigili del fuoco volontari di Centa San Nicolò ed è stato chiamato anche il soccorso alpino e il nucleo speleo-alpino-fluviale dei vigili del fuoco permanenti di Trento

 

Arrivati sul posto con l'elicottero l'intervento con i verricelli è risultato impossibile a causa della fitta boscaglia che schermava la ferita e non permetteva al velivolo di avvicinarsi troppo. I soccorritori hanno quindi dovuto fare il recupero con le corde. Dopo quasi due ore dalla caduta la donna è stata quindi salvata e caricata sull'ambulanza che l'ha portato al Santa Chiara in codice rosso con una serie di politraumi. La prognosi, per lei è di 30 giorni.

Spazio pubblicitario

Dalla home

22 marzo - 19:17

Oggi sono arrivate altre persone alla Residenza Fersina di Trento (ci sono anche due nuclei familiari). Bertè, lunedì, chiederà il voto segreto in circoscrizione per imporre orari (più stringenti perché già esistono) di permanenza dentro la struttura

22 marzo - 13:41

La conferenza e la proiezione del film si terranno venerdì 24 alle ore 16.30 presso il Teatro San Marco 

22 marzo - 06:57

Tra i problemi anche la quantità di acqua che arriva dalla pioggia. E' stabile ma la sua distribuzione è cambiata. Oggi le piogge di frequente arrivano facendo danni e non riempendo le falde.

Spazio pubblicitario
Spazio pubblicitario
Spazio pubblicitario
Spazio pubblicitario