Contenuto sponsorizzato
Imbrattata la lapide in memoria delle vittime delle Foibe

L'atto vandalico è avvenuto questo pomeriggio. Castaldini (CasaPound) "Quello che dovremmo chiederci è cosa permette a queste persone di intervenire indisturbati sotto gli occhi delle istituzioni inermi e ormai schiave di queste dinamiche"

Pubblicato il - 20 marzo 2017 - 18:50

TRENTO. E' stata imbrattata, questo pomeriggio, con dello spray nero, la lapide in memoria delle vittime delle Foibe, in Largo Pigarelli.

 

Non è la prima volta che accade. La lapide è già stata imbrattata numerose volte, rubata e danneggiata.

 

"Non serve interrogarsi su chi abbia compiuto questo stupido gesto, né sul perché lo abbia fatto, chi agisce con tale ignoranza non ha alle spalle ragionamenti degni di considerazione – scrive Castaldini, responsabile di CasaPound a Trento – quello che dovremmo chiederci è cosa permette a queste persone di intervenire indisturbati sotto gli occhi delle istituzioni inermi e ormai schiave di queste dinamiche, ricordiamo come nello scorso 10 febbraio il comune avesse ceduto ai ricatti dei soliti noti levando la lapide nel terrore fosse danneggiata, ebbene correre spaventati ai ripari non è servito e ancora una volta abbiamo umiliato la memoria di nostri connazionale per il contentino di pochi viziati".

 

"Ancora una volta – conclude Castaldini – interverremo personalmente perché il comune provveda nel più breve tempo possibile alla sistemazione della lapide, cerchiamo di essere esempio per chi non ha abbastanza coraggio per difendere la memoria della propria Nazione".

 

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 agosto - 07:04

Ma a parte gli immigrati untori che ammorbano l'aria, Alessia Ambrosi si è occupata anche di orsi. Nello stesso comunicato: perché in fondo tutti - orsi e profughi - dovrebbero tornare a casa loro. Chi in Africa, chi sulle montagne

18 agosto - 17:08

I dati sono stati prodotti da Amazon.it e si dividono per generi letterari e per modalità di acquisto (ebook, cartaceo e uno più l'altro). Come generi a Trento vanno forte i libri di finanza e business e quelli di finzione

18 agosto - 19:15

Dopo il contributo del giornalista Alessio Kaisermann e quello di Alessandro Giuliani oggi pubblichiamo il testo di Alessandro Ghezzer che spiega come tutti (compresi noi) abbiamo scritto troppo di orso inseguendo i titoloni ad effetto (con anche qualche esagerazione come quella di oggi su Marco Vegan)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato