Contenuto sponsorizzato

Imbrattata la lapide in memoria delle vittime delle Foibe

L'atto vandalico è avvenuto questo pomeriggio. Castaldini (CasaPound) "Quello che dovremmo chiederci è cosa permette a queste persone di intervenire indisturbati sotto gli occhi delle istituzioni inermi e ormai schiave di queste dinamiche"

Pubblicato il - 20 marzo 2017 - 18:50

TRENTO. E' stata imbrattata, questo pomeriggio, con dello spray nero, la lapide in memoria delle vittime delle Foibe, in Largo Pigarelli.

 

Non è la prima volta che accade. La lapide è già stata imbrattata numerose volte, rubata e danneggiata.

 

"Non serve interrogarsi su chi abbia compiuto questo stupido gesto, né sul perché lo abbia fatto, chi agisce con tale ignoranza non ha alle spalle ragionamenti degni di considerazione – scrive Castaldini, responsabile di CasaPound a Trento – quello che dovremmo chiederci è cosa permette a queste persone di intervenire indisturbati sotto gli occhi delle istituzioni inermi e ormai schiave di queste dinamiche, ricordiamo come nello scorso 10 febbraio il comune avesse ceduto ai ricatti dei soliti noti levando la lapide nel terrore fosse danneggiata, ebbene correre spaventati ai ripari non è servito e ancora una volta abbiamo umiliato la memoria di nostri connazionale per il contentino di pochi viziati".

 

"Ancora una volta – conclude Castaldini – interverremo personalmente perché il comune provveda nel più breve tempo possibile alla sistemazione della lapide, cerchiamo di essere esempio per chi non ha abbastanza coraggio per difendere la memoria della propria Nazione".

 

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 maggio 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 13:25

Nella delibera di una settimana fa che stanziava 4 milioni di euro per "Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione" venivano assegnati 10 punti in più se a fare domanda erano migranti e richiedenti asilo. Le opposizioni e le destre erano già, giustamente, sul piede di guerra. Ma la frase è discriminatoria. Rossi: "Abbiamo corretto l'errore" 

25 maggio - 15:27

L'azione dei carabinieri di Primiero San Martino, intervenuti dopo le segnalazioni di diversi residenti fino a cento metri di distanza dalla stalla in questione. Nei guai un allevatore agricolo della zona

25 maggio - 13:31

Le indagini, coordinate da Pasquale Profiti della procura di Trento, ha emesso il provvedimento di custodia cautelare in carcere nei confronti di Stefano Ramunni, che si trova ora al carcere di Genova Marassi. Operazione condotta dai carabinieri di Canal San Bovo

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato