Contenuto sponsorizzato

Muore il centauro dopo lo scontro ad Ala. Lascia una bimba di 9 mesi

L'incidente era avvenuto sabato scorso.  Ieri mattina è stata dichiarata la morte cerebrale e la moglie ha autorizzato la donazione degli organi

Pubblicato il - 15 luglio 2017 - 09:56

TRENTO. Non ce l'ha fatta purtroppo il trentanovenne motociclista rimasto gravemente ferito l’8 luglio in un incidente stradale a Santa Margherita di Ala.

 

Le ferite riportate da Rolando Saccoman nello scontro avvenuto con un'auto, sono state fin da subito giudicate gravi e l'uomo è deceduto ieri pomeriggio all'ospedale Santa Chiara.

 

L'incidente era avvenuto sabato scorso, attorno alle 18, quando Saccoman si è scontrato con un'auto, guidata da un giovane di 21 anni, che proveniva nell'altro senso di marcia all'altezza di Santa Margherita di Ala. Un impatto che aveva fatto sbalzare il centauro per diversi metri.

 

L'uomo, residente a Cerea, in provincia di Verona, padre di una bambina nata lo scorso ottobre, si trovava in uno stato di coma giudicato irreversibile dai medici. Ieri mattina è stata dichiarata la morte cerebrale e la moglie ha autorizzato la donazione degli organi.

 

 

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 maggio 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 19:58

Oltre 250 i partecipanti alla marcia promossa dall'associazione "Rinascita di Torre Vanga". Presenza politica trasversale. Borgognoni: "Serve un controllo continuo del territorio per eliminare la criminalità dalle nostre strade"

26 maggio - 12:18

Avevano postato scritte offensive sul social nei confronti di una ragazza di 16 anni. Dopo la denuncia le perquisizioni alla ricerca del telefono da cui era stato inviato il messaggio

26 maggio - 20:02

In un'intervista rilasciata a Silvia Toffanin a Verissimo su Canale 5 la showgirl racconta della dedizione del personale del Centro di protonterapia: "Medici che lavorano giorno e notte per salvare questi piccoli pazienti"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato