Spazio pubblicitario
Muore nel parcheggio dell'Obi di via Brennero un uomo di 63 anni. Probabile malore

Dopo un'ora di incessanti manovre di rianimazione non si è potuto fare altro che constatare il decesso. Sul posto ambulanze del 118 e polizia

Pubblicato il - 19 aprile 2017 - 19:49

TRENTO. E' morto dopo un'ora di incessante massaggio cardiaco. Per l'uomo di 63 anni che aveva appena fatto acquisti presso l'Obi di via Brennero non c'è stato niente da fare se non constatare l'avvenuto decesso dopo che i medici rianimatori hanno tentato l'impossibile. 

 

Verso le 18.15, appena uscito dalla porta che dà sul parcheggio interno, si è accasciato battendo violentemente la testa. Sembra improbabile che si sia inciampato, sembra piuttosto che all'origine della caduta ci sia un malore.

 

Dopo che alcuni testimoni hanno dato l'allarme, un medico che in quel momento stava facendo acquisti nel negozio ha provveduto a prestare i primi soccorsi, iniziando da subito le manovre di rianimazione in attesa dell'ambulanza che è intervenuta con a bordo l'equipe medica.

 

Per un'ora il tentativo di far rinvenire l'uomo non si è mai fermato, mentre alcuni clienti passavano vicino al corpo dell'uomo per raggiungere le automobili parcheggiate e altri preferivano raggiungere il parcheggio facendo il giro più largo per non assistere alla scena straziante della rianimazione. 

 

Quando i medici hanno deciso di fermarsi, sul corpo dell'uomo è stato steso il telo bianco in attesa dei familiari - avvertiti del malore e giunti poi sul posto - e della polizia per i rilievi necessari.  

Spazio pubblicitario

Dalla home

25 aprile - 06:47

Staffetta partigiana,con un gruppo di giovani liceali rivani si schierò apertamente contro il fascismo scegliendo la clandestinità. "Ma i fascisti sequestrarono mio padre, morì per le violenze subite. Non lo rividi mai più vivo"

24 aprile - 19:11

Giovedì 27 aprile i delegati sono chiamati per approvare il bilancio sociale. Oltre alla parte ordinaria, l'assemblea prevede anche una parte straordinaria: due le modifiche allo statuto

24 aprile - 19:13

I Carabinieri di Cavalese hanno individuato i responsabili dopo aver visionato le telecamere a circuito chiuso. I tre giovani sono stati deninciati

Spazio pubblicitario
Spazio pubblicitario
Spazio pubblicitario
Spazio pubblicitario