Contenuto sponsorizzato
Principio d'incendio in un condominio a Grumo, evacuati dai balconi gli inquilini

Il fumo sarebbe partito dal primo piano e dopo aver attraversato il giroscale ha allertato i residenti degli altri appartamenti che hanno chiamato i soccorsi. Non ci sarebbero feriti

Pubblicato il - 19 aprile 2017 - 21:34

SAN MICHELE. Il fumo è risalito dal basso, probabilmente dal piano terra, e ha allertato gli inquilini dell'abitazione di Grumo in via S. Giovanni Postal che hanno così potuto chiamare i soccorsi tempestivamente evitando danni e conseguenze peggiori. Un principio di incendio si è sviluppato intorno alle 20.45 dal basso verso l'alto, in un condominio. Sul posto sono giunti immediatamente i vigili del fuoco di vari corpi anche perché diverse erano le persone intrappolate nei piani alti del palazzo.

 

Si è reso, quindi, necessario l'intervento delle autoscale e per questo sono arrivati i mezzi di Mezzolombardo e anche quello dei permanenti di Trento. Il fumo in poco tempo ha invaso il giroscale e le famiglie che abitano nei piani superiori, pur spaventate, hanno potuto evacuare i loro appartamenti, grazie all'aiuto dei vigili del fuoco, uscendo dai balconi.

 

 

Da chiarire la dinamica del principio di incendio che ha provocato tutto quel fumo. Sul posto, oltre ai pompieri, sono arrivati i carabinieri e in supporto il 118 per dare soccorso ad eventuali intossicati da fumo o feriti (che fortunatamente non ci sono stati).

 

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.12 del 17 Novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Guarda le edizioni precedenti
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 novembre - 19:14

Questa la decisione del gip Forlenza che oggi ha concluso l'udienza preliminare. Il processo inizierà il 12 aprile del prossimo anno. Da Itas richieste di risarcimento milionarie

17 novembre - 13:05

Entrano fin davanti alla porta dell'assessora all'Università e appiccicano un cartello con le richieste. Sara Ferrari: "Abbiamo stanziato e confermato anche per i prossimi anni un milione di euro ma io mi confronto con i rappresentanti eletti"

17 novembre - 06:47

Il Consorzio nazionale apicoltori imputa il crollo generalizzato al clima e ai pesticidi. Facchinelli: "Nel nostro caso i contadini non c'entrano. Il problema sono state le gelate e le grandinate. Il miele d'acacia è scomparso al 100%. Per fare apicoltura in Trentino bisogna spostarsi di prato in prato e dobbiamo essere aiutati"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato