Spazio pubblicitario
Punto nascite, l'intera valle aspetta Luca Zeni al Palafiemme: "Saremo in tanti per proporre soluzioni". Per aumentare la partecipazione sospese le partite e spostate le messe al sabato

Il portavoce di "Parto per Fiemme" Arici: "Siamo in grado, come Provincia, di onorare ciò che ci chiede Roma, ora spetta all'Azienda sanitaria muoversi tenendo contro delle soluzioni messe sul tavolo". Altrimenti? "Scenderemo tutti a Trento"

Di Donatello Baldo - 19 marzo 2017 - 06:35

CAVALESE. L'incontro al Palafiemme con l'assessore Luca Zeni e il direttore dell'Azienda sanitaria Paolo Bordon sul tema caldo del Punto Nascite sta mettendo in subbuglio l'intera valle. L'appuntamento è per domenica 19 marzo, festa del papà, e padri e madri - ma non solo - si stanno mobilitando per essere in tanti.

 

"Tutta la popolazione di Fassa, Fiemme e Cembra è caldamente invitata a partecipare a questo incontro", annuncia su Facebook la pagina di Parto per Fiemme. "La capienza è di circa 1.200 posti all'interno - spiegano gli organizzatori della protesta - ma  verrà allestita una piattaforma per la diffusione dell'incontro in altre sale e all'esterno".

 

Insomma una chiamata generale all'intera valle, per far vedere alla Giunta e ai dirigenti dell'Apss che la pressione è molta, che la gente è tanta, e forse per far pesare che ogni testa è un voto. L'organizzazione è impeccabile: "Numerosi parcheggi saranno tutti aperti e gratuiti - spiegano per venire incontro a quelli che potrebbero accampare scuse per stare a casa - e per le famiglie con bambini è previsto uno spazio di animazione gestito da maestre d'asilo volontarie, le attività proposte e gli spazi sono coperti dall'assicurazione della Cassa Rurale".

 

"L'incontro è decisivo - spiegano -  per dimostrare quanto la gente di queste valli sia unita e determinata per evitare di veder chiudere dei servizi essenziali dell'ospedale di Fiemme, simbolo, riparo e riferimento socio-sanitario di una Comunità Magnifica che, dopo averlo costruito, dimostra ancora oggi, collaborando con le istituzioni e con l'Azienda Sanitaria, di volerlo mantenere".

 

Spiegano qual è l'obiettivo: "Riempire il Palafiemme significherà dimostrare che siamo pronti a superare gli ostacoli della burocrazia, del tecnicismo, della gestione puramente aziendale volta a sfinirci e proposta da chi pensa che in queste valli regni l'ignoranza, la sottomissione e l'indifferenza".

 

"Al 'Manifestiamoci' del 10 marzo abbiamo offerto soluzioni, in più di 2.000, abbiamo fatto nomi e cognomi dei pediatri disponibili, abbiamo presentato il pediatra neonatologo dott. Giustardi, salito appositamente per aiutarci a sostenere i servizi essenziali per tutti. Prima di tutto ascolteremo i risultati raggiunti - affermano - poi tireremo le somme senza dimenticare che stiamo aspettando soluzioni sin dal 25 novembre del 2015".

 

Il tam tam si sta diffondendo anche attraverso Whatsupp, il passaparola, i mille inviti rivolti a tutti: "Esserci per contare". Anche lo sport si fermerà, alcune squadre di calcio hanno anticipato o posticipato le partite, altre hanno fatto una richiesta ai propri sostenitori: "Non seguiteci in trasferta ma andare al Palafiemme". Persino i parroci hanno spostato le messe per far convogliare più gente possibile all'incontro, chiedendo ai fedeli di andare alle funzioni il sabato.

 

"Un incontro pacifico - precisa Alessandro Arici, portavoce di Parto per Fiemme - perché il nostro obiettivo è quello di portare risposte percorribili, reali. Noi - prosegue - stiamo portando a Zeni le soluzioni perché abbiamo trovato i pediatri, i neonatologi, i professionisti di cui c'è bisogno".

 

"Siamo in grado, come Provincia, di onorare ciò che ci chiede Roma - spiega Arici - ora spetta all'Azienda sanitaria muoversi in questo senso tenendo contro delle soluzioni messe sul tavolo. Speriamo che le risposte siano immediate, che l'Apss si muova. Altrimenti - dice il portavoce - ci tocca scendere tutti a Trento per protestare".

Spazio pubblicitario

Dalla home

22 marzo - 19:17

Oggi sono arrivate altre persone alla Residenza Fersina di Trento (ci sono anche due nuclei familiari). Bertè, lunedì, chiederà il voto segreto in circoscrizione per imporre orari (più stringenti perché già esistono) di permanenza dentro la struttura

22 marzo - 13:41

La conferenza e la proiezione del film si terranno venerdì 24 alle ore 16.30 presso il Teatro San Marco 

22 marzo - 06:57

Tra i problemi anche la quantità di acqua che arriva dalla pioggia. E' stabile ma la sua distribuzione è cambiata. Oggi le piogge di frequente arrivano facendo danni e non riempendo le falde.

Spazio pubblicitario
Spazio pubblicitario
Spazio pubblicitario
Spazio pubblicitario