Contenuto sponsorizzato

Scopre di avere un contratto di energia a suo nome, fa denuncia e i carabinieri trovano un covo di spacciatori

Un uomo ha denunciato l'esistenza di un contratto di energia elettrica a suo nome in un appartamento a Trento. Nell'eseguire dei controlli nell'appartamento in via Don Sordo i Carabinieri hanno trovato due spacciatori e un terzo ragazzo colpito da decreto di espulsione

Pubblicato il - 11 agosto 2017 - 16:40

TRENTO. Sono state denunciati in stato di libertà due cittadini di 20 e 30 anni di nazionalità tunisina e un connazionale di 27 anni perché in possesso di stupefacenti e per la presenza irregolare in Italia.

 

A condurre l'operazione sono stati i carabinieri di Trento nel corso di una verifica effettuata all'interno di un appartamento, a seguito di una denuncia presentata da un cittadino albanese che aveva scoperto di essere intestatario, proprio in quell'appartamento, di un contratto per la fornitura di energia elettrica pur non avendoci mai vissuto.

 

Nel controllare l'appartamento i carabinieri hanno trovato i due giovani di 20 e 30 anni in possesso rispettivamente di 18 grammi di eroina e 8 grammi di cocaina, un bilancino di precisione e circa 1000 euro in contanti che arriverebbero dall'attività di spaccio della sostanza stupefacente.

 

Nell'ambito del controllo è stato deferito per inosservanza del decreto di espulsione del Questore di Trento anche un loro connazionale di 27 anni.

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 luglio 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 luglio - 19:40

Andrea Franzoi, padre della piccola Elena, ha voluto ringraziare la moglie che ha gestito alla grande l'intera situazione ma anche gli operatori 112/118 e i soccorritori per la velocità, la gentilezza e la professionalità 

21 luglio - 06:01

Lo chiede il circolo di Levico al segretario Muzio. L'intenzione è quella di uscire dall'impasse dei nomi partendo prima da un programma condiviso. Un documento consegnato al segretario in vista dell'assemblea di lunedì

21 luglio - 19:02

Un tifoso veneto è stato colpito alla testa da una bottiglia. Sul posto polizia e carabinieri, ma anche la Digos per sentire le testimonianze e visionare le immagini. Allerta massima per evitare un nuovo contatto terminata la partita amichevole

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato