Contenuto sponsorizzato

Si sente truffato dalla compagnia telefonica, giovane si scaglia contro la vetrina: denunciato

L'autore del danneggiamento al negozio Vodafone di Costo III Novembre è stato incastrato dalle telecamere. I carabinieri lo hanno rintracciato e denunciato

Pubblicato il - 18 maggio 2017 - 12:37

TRENTO. Le indagini sono durate poco, i carabinieri hanno visionato i filmati delle telecamere di sorveglianza e sono riusciti a mettere le mani su uno dei responsabili dei danneggiamenti che hanno colpito il negozio Vodafone di Costo III Novembre.

 

Il fatto è successo nella notte del 15 maggio, e già il giorno successivo i militari hanno messo le mani su un cittadino ucraino 23enne residente in Italia da 15 anni, deferendolo all'Autorità giudiziaria con l'accusa di danneggiamento in concorso con un complice. Complice tuttora ricercato.

 

La centrale operativa di via Barbacovi era stata allertata da un privato cittadino, che ai militari intervenuti aveva dato una sommaria descrizione degli autori dell'episodio, informazioni utili che hanno permesso di individuare in via Marsala uno degli autori del danneggiamento.

 

Il giovane, "in evidente stato psico fisico alterato", affermano i carabinieri,  ha provato a giustificare l'accaduto riferendo che si sarebbe sentito truffato dalla compagnia telefonica. Tanto da tirare un sasso contro la vetrina

 

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 maggio 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 13:25

Nella delibera di una settimana fa che stanziava 4 milioni di euro per "Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione" venivano assegnati 10 punti in più se a fare domanda erano migranti e richiedenti asilo. Le opposizioni e le destre erano già, giustamente, sul piede di guerra. Ma la frase è discriminatoria. Rossi: "Abbiamo corretto l'errore" 

25 maggio - 15:27

L'azione dei carabinieri di Primiero San Martino, intervenuti dopo le segnalazioni di diversi residenti fino a cento metri di distanza dalla stalla in questione. Nei guai un allevatore agricolo della zona

25 maggio - 13:31

Le indagini, coordinate da Pasquale Profiti della procura di Trento, ha emesso il provvedimento di custodia cautelare in carcere nei confronti di Stefano Ramunni, che si trova ora al carcere di Genova Marassi. Operazione condotta dai carabinieri di Canal San Bovo

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato