Contenuto sponsorizzato

Tentata rapina alle poste di Cognola. Entra con casco e mascherina, chiede i soldi ma scappa senza bottino

Una testimone afferma che aveva un'arma che ha cercato di estrarre. Le due impiegate si sono rifugiate nel retro e hanno chiamato la polizia. L'uomo aveva un casco e una mascherina per non farsi riconoscere

Pubblicato il - 19 aprile 2017 - 13:00

TRENTO. Tentata rapina all'ufficio postale di Cognola. Verso mezzogiorno un uomo sarebbe entrato presentandosi con un sacchetto che avrebbe chiesto all'impiegata di riempire di soldi. La richiesta è stata fatta attraverso un biglietto infilato sotto al vetro divisorio in cui era scritto "non voglio fare male a nessuno consegnami quello che hai".

 

All'interno nessun altro cliente ma solo due addette al servizio postale. La donna a cui l'uomo si è rivolto non ha capito subito la situazione ma è stata prontamente avvertita dalla collega che l'ha fatta allontanare. Le due si sono rifugiate nel retro annunciando all'uomo l'intenzione di chiamare la polizia.

 

Il rapinatore indossava un caso, una mascherina e dei guanti per non farsi riconoscere. Una delle testimoni afferma che l'uomo avrebbe cercato di estrarre un'arma dalla tasca e avrebbe cercato di camuffare il suo accento facendolo sembrare straniero.

 

Vista la situazione, l'uomo non è riuscito a portare a termine la rapina ma si è allontanato senza la refurtiva. Polizia e Carabinieri stanno setacciando la zona per poterlo individuare e arrestare.

 

 

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 gennaio 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Guarda le edizioni precedenti
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 gennaio - 11:02

La malga Albi di Garniga era stata ristrutturata nel 2007. Sul posto i Corpi dei Vigili del fuoco volontari di Garniga, Romagnano, Ravina e Aldeno oltre ai Permanenti di Trento

17 gennaio - 06:01

E' partito il primo gennaio e la Pat lo ha definito "una svolta per le politiche sociali per il contrasto alla povertà". Ma non a tutti è andata bene. Giusppe Adinolfi ci racconta la sua storia: "Abbiamo fatto i conti e mi spettano 744 euro all'anno. Con il Progettone riprenderei a lavorare ad aprile. Come faccio?"

17 gennaio - 10:18

L'azienda era nata negli anni Trenta e la famiglia si era trasferita dalla Sicilia. Ora si passa alla terza generazione, alla guida della Distilleria Alpina andrà il figlio

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato