Spazio pubblicitario
Tentata rapina alle poste di Cognola. Entra con casco e mascherina, chiede i soldi ma scappa senza bottino

Una testimone afferma che aveva un'arma che ha cercato di estrarre. Le due impiegate si sono rifugiate nel retro e hanno chiamato la polizia. L'uomo aveva un casco e una mascherina per non farsi riconoscere

Pubblicato il - 19 aprile 2017 - 13:00

TRENTO. Tentata rapina all'ufficio postale di Cognola. Verso mezzogiorno un uomo sarebbe entrato presentandosi con un sacchetto che avrebbe chiesto all'impiegata di riempire di soldi. La richiesta è stata fatta attraverso un biglietto infilato sotto al vetro divisorio in cui era scritto "non voglio fare male a nessuno consegnami quello che hai".

 

All'interno nessun altro cliente ma solo due addette al servizio postale. La donna a cui l'uomo si è rivolto non ha capito subito la situazione ma è stata prontamente avvertita dalla collega che l'ha fatta allontanare. Le due si sono rifugiate nel retro annunciando all'uomo l'intenzione di chiamare la polizia.

 

Il rapinatore indossava un caso, una mascherina e dei guanti per non farsi riconoscere. Una delle testimoni afferma che l'uomo avrebbe cercato di estrarre un'arma dalla tasca e avrebbe cercato di camuffare il suo accento facendolo sembrare straniero.

 

Vista la situazione, l'uomo non è riuscito a portare a termine la rapina ma si è allontanato senza la refurtiva. Polizia e Carabinieri stanno setacciando la zona per poterlo individuare e arrestare.

 

 

Spazio pubblicitario

Dalla home

25 aprile - 06:47

Staffetta partigiana,con un gruppo di giovani liceali rivani si schierò apertamente contro il fascismo scegliendo la clandestinità. "Ma i fascisti sequestrarono mio padre, morì per le violenze subite. Non lo rividi mai più vivo"

24 aprile - 19:11

Giovedì 27 aprile i delegati sono chiamati per approvare il bilancio sociale. Oltre alla parte ordinaria, l'assemblea prevede anche una parte straordinaria: due le modifiche allo statuto

24 aprile - 19:13

I Carabinieri di Cavalese hanno individuato i responsabili dopo aver visionato le telecamere a circuito chiuso. I tre giovani sono stati deninciati

Spazio pubblicitario
Spazio pubblicitario
Spazio pubblicitario
Spazio pubblicitario