Spazio pubblicitario
Tentato furto in centro a Trento, due donne denunciate

Le due donne sono entrate nel negozio di via Cavour accompagnate da tre minori e hanno cercato di rubare un capo di abbigliamento dal valore di circa 70 euro. Il furto non è andato a buon fine per il sistema antitaccheggio e la prontezza di riflessi della commessa

Pubblicato il - 11 gennaio 2017 - 15:39

TRENTO. I carabinieri hanno denunciato due donne, rispettivamente di 32 e 25 anni, nate in provincia di Padova, ma residenti in un campo nomadi di Verona che nel pomeriggio di ieri hanno compiuto un furto ai danni del negozio Amanito di via Cavour a Trento.

 

Le due donne, accompagnate da tre minori di età compresa tra i 2 e gli 11 anni, sono entrate nel negozio e mentre la prima si è adoperata per distrarre la commessa, la seconda ha indotto il nipote undicenne a celare il capo di abbigliamento nel vano sottostante il passeggino.

 

La manovra attuata non è però andata a buon fine: il sistema antitaccheggio ha suonato, mentre la commessa ha mostrato una decisa prontezza di riflessi nel chiedere il motivo di attivazione dell’allarme.

 

Le due donne, scoperte, non hanno potuto far altro che restituire il capo di abbigliamento dal valore di circa 70 euro e allontanarsi repentinamente.

La successiva telefonata al 112 e ha attivato i militari dell’Aliquota Operativa che hanno fermato le due donne per condurle in caserma dove sono state denunciate in stato di libertà per il reato di tentato furto aggravato in concorso.

 

Spazio pubblicitario

Dalla home

24 febbraio - 19:35

Linea dura contro maleducati e delinquenti sugli autobus. Mercoledì sera l'autista del 17 è stato insultato e ha ricevuto uno sputo in volto da un passeggero per essersi rifiutato di partire dopo che l'utente aveva dichiarato di non voler fare il biglietto. La Fisal ha chiesto di blindare ermeticamente le cabine di guida. La Cisl ha proposto alle altre sigle sindacali di costituirsi parte civile

24 febbraio - 21:26

Ieri sera a Pergine l'avvocato Degaudenz ha spiegato, carte alla mano, la vicenda delle famiglie truffate dal dipendente della Comunità Alta Valsugana che ora dovranno risarcire lo stesso ente pubblico. Molte le domande che hanno trovato risposta (se alcune famiglie erano complici e perché il Tar hanno rigettato i ricorsi) ma quella più attesa "Chi paga quando sbaglia l'ente pubblico" non ha trovato risposta 

24 febbraio - 20:06

In nuovo segretario sarà deciso nella riunione della prossima settimana. Toccherà a lui portare il partito a congresso

Spazio pubblicitario
Spazio pubblicitario
Spazio pubblicitario
Spazio pubblicitario