Contenuto sponsorizzato
Un cane lo morde e gli stacca una falange mentre stava uscendo dall'area cani

E' successo questa sera al Parco del Salé di Trento a un uomo mentre stava uscendo con il suo cagnolino dalla struttura recintata

Pubblicato il - 20 aprile 2017 - 21:11

TRENTO. Gli stacca una falange con un morso e lo manda all'ospedale. E' successo, questa sera, intorno alle 20 al parco del Salé quello che si sviluppa a partire da via Marsala.

 

Nell'area cani un signore pare stesse uscendo con il suo cagnolino dalla struttura recintata, appositamente dedicata ai nostri amici a quattro zampe. All'esterno una coppia attendeva paziente l'uscita dell'uomo tenendo al guinzaglio, quello che testimoni ci hanno riferito essere un pitbull nero che, al passaggio dell'altro cagnolino, ha cominciato ad abbaiare contro l'animale di piccola taglia.

 

L'uomo, di 51 anni, si sarebbe quindi abbassato per difendere il suo cane e il pitbull lo avrebbe azzannato alla mano staccandogli una falange. Le persone presenti hanno subito chiamato il 118.

 

 

Un'ambulanza si è precipitata in zona in pochi minuti e ha portato l'uomo, un 51enne, in ospedale. Sul posto è rimasta la coppia con il pittbull che ha atteso le forze dell'ordine che l'hanno poi portati in questura per capire la reale dinamica dell'accaduto.   

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.12 del 17 Novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Guarda le edizioni precedenti
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 novembre - 19:14

Questa la decisione del gip Forlenza che oggi ha concluso l'udienza preliminare. Il processo inizierà il 12 aprile del prossimo anno. Da Itas richieste di risarcimento milionarie

17 novembre - 13:05

Entrano fin davanti alla porta dell'assessora all'Università e appiccicano un cartello con le richieste. Sara Ferrari: "Abbiamo stanziato e confermato anche per i prossimi anni un milione di euro ma io mi confronto con i rappresentanti eletti"

17 novembre - 06:47

Il Consorzio nazionale apicoltori imputa il crollo generalizzato al clima e ai pesticidi. Facchinelli: "Nel nostro caso i contadini non c'entrano. Il problema sono state le gelate e le grandinate. Il miele d'acacia è scomparso al 100%. Per fare apicoltura in Trentino bisogna spostarsi di prato in prato e dobbiamo essere aiutati"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato