Contenuto sponsorizzato

Valigie, aspirapolvere e sacchi di plastica. Tre sanzioni per abbandono rifiuti a Trento. Ecco le foto

I cittadini sono stati individuati dalle telecamere

Pubblicato il - 12 ottobre 2017 - 09:40

TRENTO. Abbandonavano un aspirapolvere, valigie e sacchi di plastica. Sono tre i diversi episodi cittadini sanzionati dal nucleo operativo ambientale della Polizia Locale di Trento Monte Bondone.

 

I fatti sarebbero avvenuti nei giorni scorsi. I cittadini, ignari di essere ripresi dalle telecamere, sono stati filmati mentre conferivano rifiuti in modo irregolare.

Nel primo caso una persona è stata filmata mentre abbandonava un aspirapolvere, in un altro una valigia e infine alcune persone che gettavano a terra dei sacchi di plastica.

La sanzione applicata è quella prevista e punita dal regolamento comunale gestione integrata rifiuti, all'art.5 comma 2, pari ad una somma di 54 euro.( E' vietato depositare rifiuti al di fuori dei punti di raccolta e/o contenitori appositamente istituiti o forniti alle utenze.)

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.00 del 22 febbraio 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Guarda le edizioni precedenti
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 febbraio - 06:01

Candidato in Trentino Alto Adige in posizione impossibile da conquistare, Matteo Salvini lo ha inserito in posizione favorevole anche nel Lazio al secondo posto dopo Barbara Saltamartini, deputata uscente data per sicura in un collegio uninominale che lascerà il posto al primo dei non eletti, forse a Maturi

22 febbraio - 20:01

Fino a qualche anno fa si faceva risalire il comportamento simbolico agli Homo sapiens, che vissero 70mila anni fa in Africa e 40mila anni fa in Europa. Oggi scriviamo un nuovo capitolo della preistoria: sappiamo che anche i Neanderthal possedevano capacità cognitive tali da produrre oggetti con significato simbolico

22 febbraio - 20:40

I dipendenti provinciali che si occupano di assistenza integrativa e di assegno unico hanno scritto una lettera anche al presidente Ugo Rossi. "Ci dobbiamo chiudere dentro gli uffici a chiave e arriverà una guardia giurata". Problemi anche nella gestione delle pratiche 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato