Contenuto sponsorizzato

Itas, Fabrizio Lorenz è il nuovo presidente: "Voglio riportare clima di serenità". E il CdA si riduce i compensi del 25%

 E' laureato in Economia Politica all’Università di Trento, in ITAS dal 1983. La nomina dopo la bufera giudiziaria che ha azzerato la dirigenza. "Questo è un passaggio fondamentale per dare stabilità a ITAS e restituire fiducia e credibilità ad un gruppo". 

Pubblicato il - 11 ottobre 2017 - 17:56

TRENTO. E' Fabrizio Lorenz, trentino, 55 anni, è il nuovo presidente della capogruppo ITAS Mutua, eletto all'unanimità dal Consiglio di Amministrazione riunitosi questa mattina a Trento. A darne notizia lo stesso gruppo in una nota che riporta anche la biografia del nuovo vertice del gruppo assicurativo.

 

Oltre alla nomina, che segue la bufera che si è abbattuta sul gruppo trentino in seguito alle vicende giudiziarie che hanno convolto l'ex direttore Ermanno Grassi e l'ex presidente Giovanni Di Benedetto, la scelta di una riduzione del 25% dei compensi dei consiglieri.

 

I lavori di questa mattina sono stati aperti dal vicepresidente vicario Giuseppe Consoli, che ha proposto ai consiglieri la nomina di Lorenz come nuovo presidente. Il suo compito, si legge nella nota, sarà quello di "guidare le attività del Gruppo ITAS fino all’assemblea generale del prossimo aprile, in cui verrà eletto il nuovo Consiglio di Amministrazione".

 

La stessa nota afferma che il Consiglio di amministrazione "ha effettuato la scelta in un clima di serena collaborazione e trasparenza, nel segno di una condivisione di un sistema di valori propri della Compagnia".

 

Ma ecco le prime dichiarazioni del neo-presidente Lorenz: “La nomina mi riempie d’orgoglio ed emozione. L’elezione di oggi va intesa come un passaggio fondamentale per dare stabilità a ITAS e restituire fiducia e credibilità ad un gruppo dalle radici profonde".

 

"Ritengo vi sia stata un’assunzione di grande responsabilità da parte del Consiglio di Amministrazione nella sua interezza ed è mio fermo proposito favorire un suo ruolo attivo in tutte le future scelte strategiche della Compagnia".

 

"È quindi mio primario obiettivo - afferma - garantire uno stile di presidenza che si ispiri ai valori fondanti di mutualità del Gruppo, da intendersi sempre come impegno sul territorio, coesione e innovazione a favore dei soci assicurati. Una particolare attenzione verrà data al recupero di un clima interno sereno e collaborativo tra i dipendenti, rilanciando anche i rapporti con la rete agenziale”.

 

Fabrizio Lorenz è laureato in Economia Politica all’Università di Trento. In ITAS dal 1983, è stato amministratore delegato di ITAS Vita SpA e ITAS Assicurazioni SpA. Dal 2008 al 2012 è stato direttore generale della capogruppo ITAS Mutua, di cui dal 2012 è consigliere.

 

Fino al 2012 è stato consigliere di Banca di Trento e Bolzano e sindaco effettivo di Pensplan Invest SGR. Dal 2007 al 2013 è stato consigliere di Castello SGR. Dal 2013 è presidente, direttore generale e amministratore delegato di Assicuratrice Val Piave.

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.17 del 16 Giugno
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 giugno - 18:41

Lo ha deciso la Corte d'Appello della Corte dei Conti che per la prima volta riconosce il danno erariale causato dall'abbattimento di migliaia di animali. L'ex presidente della Provincia e il suo dirigente sono finiti nei guai per un centinaio di decreti che consentivano ai cacciatori di sparare. La Lav: "Speriamo che la Provincia di Trento e Bolzano ora non compiano lo stesso errore con lupi e orsi"

18 giugno - 12:32

Trovati all'interno dell'abitacolo di un camion 10 panetti di droga per un totale di 11 chili dal valore approssimativo di 800 mila euro al dettaglio. L'autista, di origini campane, fermato con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio con l'aggravante della transnazionalità

18 giugno - 12:45

Tre amici stavano affrontando la via normale sulla Grande delle Tre Cime quando hanno perso l'orientamento. Accortisi dello sbaglio hanno provato a scendere ma l'appiglio si è staccato e un uomo è precipitato per oltre 100 metri nel vuoto

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato