Contenuto sponsorizzato

Pd, dopo due mesi dalla sconfitta Tommaso Iori se ne va dal coordinamento cittadino: "Motivi di lavoro"

Al suo posto entrerà Bruno Berloffa ma si teme che anche lui dovrà lasciare e che il posto nel coordinamento lo avrà Saadi Brahmi. Nelle settimane scorse un'altra defezione: Corrado Bungaro, eletto anche'egli nella squadra di Iori, ha abbandonato il coordinamento e il Pd per aderire al nuovo gruppo di Pisapia

 

Pubblicato il - 01 agosto 2017 - 13:12

TRENTO. Il coordinatore del Pd del capoluogo, Andrea Rinaldi, cerca di smorzare la polemica: "Si è dimesso per altri impegni, per motivi di lavoro". Perché nella lettera ufficiale Tommaso Iori scrive così. Lo sfidante di Rinaldi, che contro Rinaldi perse la sfida del giugno scorso per il coordinamento, dopo nemmeno due mesi se ne va.

 

Lascia il coordinamento in cui sedeva di diritto, tenendosi soltanto il posto nel coordinamento provinciale. Una scelta giudicata da alcuni un po' 'strana': si impegna nella campagna elettorale per la guida del partito del capoluogo, perde la sfida e poco dopo si dimette. 

 

E' vero, le motivazioni sono quelle del nuovo lavoro, ma un passaggio della lettera di dimissioni dice altro: "Lascio ad altre sedi le motivazioni politiche". Quindi qualcosa di merito c'è, altrimenti non sarebbe stato scritto. "Quando lo sentirò ne parleremo", dice Rinaldi. 

 

Ma chissà quando, visto che non sembra pratica abituale quella degli incontri. Da giugno il coordinamento cittadino si è riunito una volta sola, una seconda in modo informale: "erano tutti in ferie". Due incontri in cui Iori non s'è fatto vedere. "Al telefono l'ho sentito solo una volta", ammette Rinaldi.

 

"Ho voluto scegliere tra il coordinamento provinciale e quello cittadino", si limita a confermare Tommaso Iori. Ma sembra che sia per lui un sollievo, quasi una liberazione non avere quell'impegno. 

 

Al suo posto entrerà Bruno Berloffa, che per numero di voti risulta il primo dei non eletti. Ma si teme che anche lui dovrà lasciare e che il posto nel coordinamento lo avrà Saadi Brahmi

 

Nelle settimane scorse, prima di quest'ultima, un'altra defezione: Corrado Bungaro, eletto anche'egli nella squadra di Iori, ha abbandonato il coordinamento: ha lasciato addirittura il Pd per seguire Scalfi e gli altri consiglieri comunali che hanno dato vita a "Insieme", il gruppo di Pisapia

 

 

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 luglio 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 luglio - 06:01

Ma oltre a questa proposta su cui Forza Italia "non farà le barricate", emergono spaccature profonde nei partiti e nella coalizione. Il nome di Fugatti è in bilico e rischia di impedire l'allargamento a Gios e Borga. Si riparte da capo, nulla è deciso

18 luglio - 19:03

Contro il gruppetto di cui fa parte don Graziola si sono svolte due manifestazioni. Anche don Nicolli prende le distanze da questi fedeli: "Quando li vedo li evito, non si prega 'contro ma 'per' qualcuno". Il portavoce degli antiabortisti: "La verità è scritta nel Catechismo della Chiesa Cattolica" 

18 luglio - 19:50

''Trentini e Trentoni'' ha fatto un collage con i volti di Zanella, Merighi, Borgonovo Re, Manica e del ''fantacandidato'' sul manifesto del cartone Disney mentre lui alterna post di politica a citazioni del Cervantes e si moltiplicano i consensi tra petizioni popolari e raccolte firme

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato