Spazio pubblicitario
Il dipartimento di Matematica dell'Università di Trento perde uno dei suoi fondatori. Addio a Mario Miranda

 Studioso di alto profilo e socio dell’Accademia dei Lincei, Miranda era stato chiamato a Trento quando l’Università di Trento negli anni Settanta

Pubblicato il - 09 gennaio 2017 - 16:33

TRENTO. L’Università, e in particolare il Dipartimento di Matematica, piangono la scomparsa di Mario Miranda e ricordano il suo ruolo di primo piano soprattutto nello sviluppo delle scienze matematiche a Trento. 

 

Miranda si è spento nei giorni scorsi a 80 anni appena compiuti. Studioso di alto profilo e socio dell’Accademia dei Lincei, Miranda era stato chiamato a Trento quando l’Università di Trento negli anni Settanta aveva deciso di sviluppare l’area scientifica e tecnologica con l’istituzione dell’allora Facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali.

 

Il comitato ordinatore, che era presieduto da Ezio Clementel, definì il primo progetto della facoltà: apertura del corso di laurea in Fisica e del corso di laurea in Matematica con i soli indirizzi didattici e apertura del biennio propedeutico in Ingegneria. Le lezioni ebbero inizio nell’anno accademico 1972-73 con compiti didattici assegnati a docenti di altre università. 

 

Miranda, matematico, formatosi alla Scuola Normale Superiore di Pisa con Ennio De Giorgi, si trasferì a Trento nel novembre 1974. Il consiglio di facoltà era così costituito da lui insieme a Fabio Ferrari e Marco Toller. Una delle prime decisioni che venne presa fu di aprire, sia per la matematica sia per la fisica, anche gli indirizzi generali e applicativo. «Una decisione – ricordava Miranda in occasione del quarantesimo dell’Ateneo – che, fermo restando l’impegno a formare docenti per la scuola media, confermava l’intenzione di fare della facoltà di scienze di Trento un centro di ricerca pura e applicata».

 

Spazio pubblicitario

Dalla home

24 febbraio - 19:35

Linea dura contro maleducati e delinquenti sugli autobus. Mercoledì sera l'autista del 17 è stato insultato e ha ricevuto uno sputo in volto da un passeggero per essersi rifiutato di partire dopo che l'utente aveva dichiarato di non voler fare il biglietto. La Fisal ha chiesto di blindare ermeticamente le cabine di guida. La Cisl ha proposto alle altre sigle sindacali di costituirsi parte civile

24 febbraio - 21:26

Ieri sera a Pergine l'avvocato Degaudenz ha spiegato, carte alla mano, la vicenda delle famiglie truffate dal dipendente della Comunità Alta Valsugana che ora dovranno risarcire lo stesso ente pubblico. Molte le domande che hanno trovato risposta (se alcune famiglie erano complici e perché il Tar hanno rigettato i ricorsi) ma quella più attesa "Chi paga quando sbaglia l'ente pubblico" non ha trovato risposta 

24 febbraio - 20:06

In nuovo segretario sarà deciso nella riunione della prossima settimana. Toccherà a lui portare il partito a congresso

Spazio pubblicitario
Spazio pubblicitario
Spazio pubblicitario
Spazio pubblicitario