Contenuto sponsorizzato

Funicolare o minimetrò? 4,59 minuti o 5,21? 27,5 milioni o 31? Ecco lo studio completo sul collegamento Trento-Povo

Il tempo stringe per poter accedere ai finanziamenti della Bei e dunque la discussione va aperta in un senso o nell'altro. L'opera, a prescindere da quale modello verrà scelto, farà risparmiare 440.000 euro di costi gestione. Ecco tutto quello che c'è da sapere 

Di Luca Pianesi - 05 dicembre 2017 - 06:58

TRENTO. Minimetrò o funicolare? 31 milioni o 27,5 milioni di euro? 5,21 minuti per salire da Piazza Venezia a Povo o 4,59? Sono queste le domande che si è posto il blindatissimo (e che per questo pensiamo sia giusto pubblicare e porre all'attenzione di tutti) studio preliminare della Provincia per il futuro, futuribile, forse futuristico, collegamento meccanico in sede propria tra Trento e la collina Est. Uno studio nato dall'esigenza di spostare dagli autobus e dalle macchine ai mezzo di trasporto alternativo le migliaia di studenti, ricercatori, professori e residenti che ogni giorno da Povo scendono a Trento e viceversa.

 

Uno studio che documenta come costruendo questo collegamento (con tanto di linee sopraelevate e gallerie) si risparmierebbero 10 minuti rispetto all'autobus e 440.000 euro l'anno di costi di gestione. Se a questi si aggiungono i 468.000 euro di stima di incassi da biglietti ecco che il quadro è completo. Ci vorrebbero circa trentaquattro anni a ripagare il minimetrò e una trentina la funicolare. Ma certo se si vuole pensare a un'opera pubblica di questa portata non ci può fermare al mero conto della "serva" del più e meno. Certo non deve crearsi una voragine economica (ma non è questo il caso) ma bisogna anche valutare l'impatto sulla società e sull'ambiente che potrebbe avere realizzare una di queste due infrastrutture, per la città.

 

 

 

 

 

In termini di servizio pubblico i due mezzi sarebbero in grado di trasportare fino a 1.300 persone all'ora (qualcuno sostiene siano addirittura pochi per i momenti di picco dati dagli ingressi alle lezioni di Mesiano e della discesa per le scuole secondarie e i lavoratori la mattina alle 7.30) e garantirebbero alle università della collina e ai centri di ricerca un sistema di collegamento veloce, all'avanguardia e molto rapido. In termini ambientali, poi, ovviamente, si andrebbe a ridurre drasticamente l'utilizzo dei mezzi privati andando ad "avvicinare" enormemente la collina alla città facilitando anche il trasferimento di tutti gli studenti delle scuole secondarie che non sarebbero più costretti ad ammassarsi sui vari "autobus 5" che circolano costantemente per garantire, oggi, un servizio adeguato (ma sempre in emergenza). Ebbene, sempre secondo lo studio della Pat, si andrebbero a risparmiare addirittura 31 corse al giorno

 

Ma quale tecnologia sarebbe meglio usare? La scelta è chiaramente politica ma primo o poi qualcuno dovrà prendersi la responsabilità di decidere. I problemi sono annosi e strutturali e mentre si fa un gran parlare del Bondone da qualche tempo sembra che la collina Est (nonostante sia un polo universitario, culturale e produttivo tra i più importanti del comune) sia un po' uscita dai radar di questa amministrazione. Ecco perché è importante rendere pubblici questi documenti: per riaprire la discussione, per far si che la comunità, tutta, cominci a rifletterci. Anche perché uno degli strumenti per finanziare quest'opera sarebbero i fondi della Banca europea per gli investimenti (che da progetti coprirebbe il 50% di grandi investimenti dedicati alla "mobilità alternativa" con spesa superiore ai 25 milioni) ma il tempo per fare domanda non è infinito e tra meno di un anno bisognerà aver compiuto la famigerata scelta.

 

 

FUNICOLARE

Pro: tecnologia collaudata; leggerezza strutturale, minori costi per l'impianto

Contro: Rigidezza geometrica, ruomorosità

Costo: 27.500.000 euro

Tempo di percorrenza: 4,59 minuti dai Giardini di Piazza Venezia a via Sommarive/Povo

Portata massima: 1.300 persone

Caratteristiche tecniche: Le cabine vanno e vengono

 

MINIMETRO'

Pro: silenziosità, flessibilità geometrica

Contro: Pesantezza strutturale, tecnologia prototipo, costi

Costo: 31.000.000 euro

Tempo di percorrenza: 5,21 minuti dai Giardini di Piazza Venezia a via della Cascata/Povo

Portata massima: 1.300 persone

Caratteristiche tecniche: Le cabine seguono un moto circolare

 

 

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 Dicembre 2017
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Guarda le edizioni precedenti
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 dicembre - 06:50

La perturbazione arrivata in Trentino tra domenica 10 e lunedì 11 dicembre è un evento molto raro. Temperature più alte in montagna rispetto al fondovalle e aumenti in quota tra i 10 e 16 gradi

15 dicembre - 18:01

Il fatto è stato ripreso in apertura di Consiglio provinciale, Dorigatti: "La violenza di genere è un fenomeno trasversale", Claudio Cia: "Questa modalità di 'accoglienza' dei profughi è fallita". La Lega: "Responsabilità politica di chi ci sta governando, comprese quelle donne che si sono battute per una legge a tutela del genere femminile per pura demagogia e propaganda elettorale"

15 dicembre - 16:00

Diversi gli interventi della polizia locale tra quattro ristoratori segnalati alla Procura per inquinamento olfattivo, due mezzi sono stati rimossi nei sobborghi cittadini, ma anche un condominio infestato dagli insetti e una signora multata perché 'pizzicata' dalle telecamere a non fare la raccolta differenziata

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato