Contenuto sponsorizzato

Cimbro, Mocheno e Ladino a rischio estinzione? L'Istitut Ladin: "La lingua è in salute, ma a rischio è la qualità"

L'Unesco ha inserito queste varietà all'interno di 'Atlas of the World's languages in danger', una specie di atlante delle lingue a rischio estinzione. Fabio Chiocchetti. "E' da fine Ottocento che si assiste al funerale anticipato di questa lingua"

Di Luca Andreazza - 12 gennaio 2018 - 19:25

TRENTO. Ladino, mocheno e cimbro potrebbero avere gli anni contati. L'Unesco ha inserito, infatti, queste varietà di dialetto all'interno di 'Atlas of the World's languages in danger', una specie di atlante delle lingue a rischio estinzione. 

 

L'agenzia dell'Onu stima che il cimbro venga parlato da 400 persone, in particolare nell'area di Luserna, ma anche in alcune zone di Verona e Vicenza. Sta meglio il mocheno che interessa circa un migliaio di abitanti, mentre la lingua più in salute è il ladino utilizzato da trentamila individui in diversi paesi delle Dolomiti a cavallo tra Trentino, Alto Adige e Belluno.

 

Mal comune, mezzo gaudio. In Italia si parla, infatti, la maggior parte delle varietà di dialetto al mondo, ma ventinove di queste sarebbero a rischio estinzione dati dati Unesco

 

"E' da fine Ottocento - spiega Fabio Chiocchetti, direttore dell'Istitut cultural Ladin - che si assiste al funerale anticipato di questa lingua che però è riuscita a sopravvivere fino ai giorni nostri, questo nonostante due conflitti mondiali, ma soprattutto il fascismo, quando è stato messo in atto un piano per far scomparire il ladino".

 

I ladini costituiscono una comunità stanziata in cinque vallate dolomitiche. "Nella loro diversità - aggiunge il direttore - gli idiomi di Gardena, Badia, Fassa, Livinallongo e Ampezzo rappresentano varietà locali della stessa lingua e il ladino ricopre una posizione autonoma nel quadro delle lingue romanze o neo-latine".

 

L’ordinamento del Trentino Alto Adige tutela i ladini come terzo gruppo linguistico, accanto a quello tedesco e italiano, ma anche la legislazione nazionale annovera la comunità ladina tra le minoranze linguistiche riconosciute secondo i principi stabiliti nella Costituzione italiana.

 

"La valorizzazione e la salvaguardia del ladino - aggiunge Chiocchetti - è un'attività che prosegue dall'inizio degli anni '90. Un percorso articolato nella raccolta e predisposizione di documenti per approfondire e promuovere cultura, lingua, tradizioni e usanze. Tutto è iniziato nel lontano 1905 e nel frattempo ci siamo adeguati: oggi abbiamo un ricco e moderno database, pubblicazioni e il corpus del ladino".

 

Un bagaglio culturale ancora in salute e unitario, nonostante la diffusione della lingua in aree diverse. "I confini - evidenzia il direttore - sono arrivati solo nel 1918: una divisione artificiale per un'area unica prima della guerra. Oggi, nonostante le divisioni amministrative e qualche barriera mentale dettata dal campanilismo, la coscienza linguistica e il sentimento identitario sono radicati e sostenuti da una fitta rete di associazioni. Un impegno affiancato negli ultimi decenni dall'opera di istituzioni e centri di ricerca".

 

Ladino chiuso però nella morsa dell'italiano e dell'inglese tra televisione, internet e la globalizzazione. "Questo accelera un po' il depauperimento - conclude Chiocchetti - anche per l'influenza del tedesco. Se dal punto di vista quantitativo la lingua sta bene e si registra un'adesione spontanea della popolazione, è, però, vero che il ladino soffre maggiormente sotto il profilo qualitativole nuove generazioni tendono, infatti, a non parlarlo proprio correttamente. In questo caso è necessario prendere delle contromisure per tenere viva la tradizione".  

 

 

 

 

 

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.17 del 16 Giugno
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 giugno - 18:41

Lo ha deciso la Corte d'Appello della Corte dei Conti che per la prima volta riconosce il danno erariale causato dall'abbattimento di migliaia di animali. L'ex presidente della Provincia e il suo dirigente sono finiti nei guai per un centinaio di decreti che consentivano ai cacciatori di sparare. La Lav: "Speriamo che la Provincia di Trento e Bolzano ora non compiano lo stesso errore con lupi e orsi"

18 giugno - 12:32

Trovati all'interno dell'abitacolo di un camion 10 panetti di droga per un totale di 11 chili dal valore approssimativo di 800 mila euro al dettaglio. L'autista, di origini campane, fermato con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio con l'aggravante della transnazionalità

18 giugno - 12:45

Tre amici stavano affrontando la via normale sulla Grande delle Tre Cime quando hanno perso l'orientamento. Accortisi dello sbaglio hanno provato a scendere ma l'appiglio si è staccato e un uomo è precipitato per oltre 100 metri nel vuoto

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato