Contenuto sponsorizzato

Le bollicine Ferrari inondano il settimo scudetto consecutivo della Juventus

Un Trentodoc esclusivo, presentato in un cofanetto dedicato, proposto in soli 1.897 esemplari, come l’anno di fondazione della squadra

Pubblicato il - 14 maggio 2018 - 18:19

TORINO. C'è anche un po' di Trentino nel settimo scudetto consecutivo della Juventus, conquistato aritmeticamente ieri nel pareggio dell'Olimpico contro la Roma.

 

Una volta rientrati negli spogliatoi, i bianconeri hanno, infatti, celebrato il nuovo record del calcio italiano con le bollicine Ferrari Trentodoc.

 

Bottiglie ovviamente personalizzate per festeggiare questo storico traguardo: l'etichetta riportava scudetto e il numero 36 (anche se dopo "Calciopoli" sarebbero 34), il marchio della Juventus e l'hashtag #MY7H.

 

E' il terzo anno consecutivo che la Juventus brinda al successo con Ferrari e questa vittoria arriva nei 120 anni dalla fondazione della società piemontese, celebrati dalla cantina della famiglia Lunelli con "Ferrari Selezione Juventus 120".

 

Un Trentodoc esclusivo, presentato in un cofanetto dedicato, proposto in soli 1.897 esemplari, come l’anno di fondazione della squadra.

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 luglio 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 luglio - 19:40

Andrea Franzoi, padre della piccola Elena, ha voluto ringraziare la moglie che ha gestito alla grande l'intera situazione ma anche gli operatori 112/118 e i soccorritori per la velocità, la gentilezza e la professionalità 

21 luglio - 06:01

Lo chiede il circolo di Levico al segretario Muzio. L'intenzione è quella di uscire dall'impasse dei nomi partendo prima da un programma condiviso. Un documento consegnato al segretario in vista dell'assemblea di lunedì

21 luglio - 19:02

Un tifoso veneto è stato colpito alla testa da una bottiglia. Sul posto polizia e carabinieri, ma anche la Digos per sentire le testimonianze e visionare le immagini. Allerta massima per evitare un nuovo contatto terminata la partita amichevole

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato