Ecco la mappa geolocalizzata dei #caffenoslot, con i selfie di chi ci lavora e chi li frequenta

L'iniziativa de il Dolomiti è nata in collaborazione con Libera, Ama e con l'Alleanza per la tutela e la responsabilità condivisa nel contrasto e nella prevenzione del gioco d'azzardo patologico. E voi ci siete?

Spazio pubblicitario
Pubblicato il - 03 aprile 2017 - 21:13

TRENTO. Il giocato in Trentino si aggira su 1 miliardo e 18 milioni di euro l'anno ed ogni anno sono oltre un centinaio le famiglie trentine che si rivolgono al Ser.d (Servizio dipendenze della Provincia di Trento) e all'Ama (Auto mutuo aiuto onlus) per aiutare i loro giovani a uscire da ludopatie e dipendenze da gioco. E se in Italia quasi 17 milioni di persone hanno giocato d'azzardo almeno una volta nell'ultimo anno (dati Ispad) il 43% sono giovani e giovanissimi di età compresa tra i 15 e i 34 anni.

 

Di questi molti si avvicinano al gioco tramite le piattaforme online e i siti di scommesse ma tanti altri fanno le loro prime esperienze con le macchinette nei bar e nei locali adibiti al pubblico. Spopolano, infatti, anche in regione le slot e per questo, assieme a Libera e all'Ama stiamo cercando di creare la prima mappa geolocalizzata, aggiornata con tanto di selfie di esercenti e utenti, dei locali liberi dalle macchinette e dal gioco.

 

Un'idea semplice che vuole aiutare i locali NoSlot a promuoversi e i loro clienti a sponsorizzarli, lanciata dal progetto dell'Alleanza per la tutela e la responsabilità condivisa nel contrasto e nella prevenzione del gioco d'azzardo patologico. E voi ci siete? Basta un semplice selfie, realizzato all'interno del bar con l'hastag #caffenoslot in bella vista. L'immagine deve poi essere spedita attraverso un messaggio personale nella pagina Facebook de “Il Dolomiti” oppure per mail a redazione@ildolomiti.it).

Spazio pubblicitario

Dalla home

25 aprile - 06:47

Staffetta partigiana,con un gruppo di giovani liceali rivani si schierò apertamente contro il fascismo scegliendo la clandestinità. "Ma i fascisti sequestrarono mio padre, morì per le violenze subite. Non lo rividi mai più vivo"

24 aprile - 19:11

Giovedì 27 aprile i delegati sono chiamati per approvare il bilancio sociale. Oltre alla parte ordinaria, l'assemblea prevede anche una parte straordinaria: due le modifiche allo statuto

24 aprile - 19:13

I Carabinieri di Cavalese hanno individuato i responsabili dopo aver visionato le telecamere a circuito chiuso. I tre giovani sono stati deninciati

Spazio pubblicitario
Spazio pubblicitario
Spazio pubblicitario
Spazio pubblicitario