Contenuto sponsorizzato

Il Trento rinforza l'attacco, alla corte di Filippini arriva Sebastiano Aperi

Calcio. Il classe 1992 è un attaccante di grande duttilità che può ricoprire tutti i ruoli del fronte offensivo

Pubblicato il - 11 gennaio 2018 - 16:49

TRENTO. Il Trento rinforza il pacchetto offensivo e acquista la punta Sebastiano Aperi

 

Nato a Catania nel 1992, Aperi è un attaccante di grande duttilità in grado di ricoprire tutti i ruoli nel reparto avanzato.

 

Cresciuto calcisticamente nel Trecastagni, tra le cui fila ha militato - giovanissimo - per due stagioni nell'Eccellenza siciliana (49 presenze e 16 reti dal 2009 al 2010), l'attaccante successivamente si trasferisce al Palazzolo in serie D (42 presenze e 9 marcature in due campionati).

 

Nel 2013 Aperi passa al Martina Franca in serie C2, dove scende in campo 20 volte e segna 3 gol. Poi l'esperienza con i Biancoscudati Padova (12 presenze e 6 reti) con cui vince il campionato di serie D nella stagione 2014/2015, mentre l'annata successiva è vissuta a metà tra Padova (in serie C: 5 presenze) e Nardò (serie D: 11 presenze e 2 reti).

 

Nell'estate 2016 si trasferisce all'Altovicentino (serie D) dove, in metà campionato, colleziona 9 presenze e 1 gol e, nel corso del mercato invernale, si accasa al Gozzano: qui diventa immediatamente tra i punti di forza della compagine piemontese con la quale realizza la bellezza di 10 reti in 18 partite.

 

Nella prima parte dell'attuale annata, Aperi ha vestito la maglia del Cuneo in serie C e ha disputato 14 partite.

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 gennaio 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Guarda le edizioni precedenti
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 gennaio - 11:02

La malga Albi di Garniga era stata ristrutturata nel 2007. Sul posto i Corpi dei Vigili del fuoco volontari di Garniga, Romagnano, Ravina, Mattarello e Aldeno oltre ai Permanenti di Trento

17 gennaio - 06:01

E' partito il primo gennaio e la Pat lo ha definito "una svolta per le politiche sociali per il contrasto alla povertà". Ma non a tutti è andata bene. Giusppe Adinolfi ci racconta la sua storia: "Abbiamo fatto i conti e mi spettano 744 euro all'anno. Con il Progettone riprenderei a lavorare ad aprile. Come faccio?"

17 gennaio - 10:18

L'azienda era nata negli anni Trenta e la famiglia si era trasferita dalla Sicilia. Ora si passa alla terza generazione, alla guida della Distilleria Alpina andrà il figlio

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato