Contenuto sponsorizzato

Ruggito Matteo Trentin, stratosferico oro agli Europei

Ciclismo. Matteo Trentin si inserisce nella fuga giusta e piazza la volata vincente. Grandissimo lavoro dell'altro azzurro Cimolai. E' la terza medaglia trentina in poche ore tra Arianna Bridi a Glasgow e Ruggero Tita in Danimarca per il campionato mondiale

Di Luca Andreazza - 12 agosto 2018 - 17:53

GLASGOW (Scozia). Una giornata d'oro per lo sport trentino, dopo il successo di Arianna Bridi nella 25 chilometri in acque libere (Qui articolo) e la vittoria di Ruggero Tita nella vela (Qui articolo), arriva una grandissima affermazione nel ciclismo.

 

E' Matteo Trentin a far saltare il banco e vincere il campionato europeo di Glasgow dopo 230,4 chilometri. Il ciclista borghigiano è più forte della pioggia e si mette alle spalle l'olandese Van der Poel e il belga Van Aert.

 

Sulle strade scozzesi va in scena la sfida tra i migliori corridori europei, lungo un circuito di 14,4 chilometri da ripetere 16 volte. Un percorso non particolarmente impegnativo e molto adatto per i velocisti resistenti, tanto che l'altro azzurro Elia Viviani partiva tra i favoriti della vigilia insieme al campione iridato Peter Sagan e quindi Alexander Kristoff, Greg Van Avermaet, John Degenkolb e tanti altri big.

 

La gara, caratterizzata dalla pioggia, è subito vivace e sono diversi i tentativi di fuga, ma il plotone, guidato spesso e volentieri dalle maglie azzurre del ct Davide Cassani, fa sempre buona guardia. 

 

Un drappello di sette uomini si sfila dal gruppo e si porta anche a quattro minuti di vantaggio, ma a cento chilometri dal traguardo Italia, Francia e Belgio alzano il ritmo per ricucire il distacco. 

 

Nel frattempo però il plotone si spezza e Peter Sagan perde contatto, il Belgio imprime un ritmo indiavolato, mentre il campione del mondo prova a rientrare tra i migliori, ma alla fine alza bandiera bianca. E' la prima sorpresa di giornata, il campionato europeo perde un protagonista annunciato.

 

A 80 chilometri dall’arrivo la corsa si accende ancora una volta, scatta Van Aert e un suo compagno di squadra. L'Italia si porta in testa al gruppo per controllare, quindi un altro favorito va in difficoltà, cioè Kristoff.

 

I fuggitivi vengono ripresi e scattano Trentin e Cimolai. Mentre dietro gli azzurri alzano il pedale per controllare la fuga, in testa alla corsa ci sono 10 corridori: gli azzurri Matteo Trentin e Davide Cimolai, i belgi Wout Van Aert e Xandro Meurisse, gli olandesi Mathieu Van Der Poel e Maurits Lammertink, il tedesco Nico Denz, il francese Pierre-Luc Perichon, lo svizzero Albasini e lo spagnolo Jesus Herrada Lopez. Il gruppo principale si trova distante e l'azione sembra quella buona.

 

Davanti i fuggitivi non riescono a trovare un accordo, quasi tutti, italiani esclusi, non hanno interesse nell'arrivo in volata: i primi scatti iniziano a 10 chilometri dal traguardo, ma anche a causa della strada viscida per la pioggia si registra una caduta e i battistrada restano in quattro, cioè Trentin, Herrada, Van Aert e Van der Poel. 

 

L'altro azzurro Cimolai è rimasto in piedi appoggiandosi alla transenna, ma riesce a rientrare e dettare il ritmo dei fuggitivi per evitare tutti tentativi di fuga, quindi inizia a tirare la volata per Trentin che taglia per il primo il traguardo e si laurea campione europeo. Una giornata perfetta per i colori azzurri e per il ct Cassani.

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 agosto 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 agosto - 18:43

L'Amministrazione, in risposta ad una nota della consigliera circoscrizionale Martina Loss, ha spiegato che si stanno portando a termine alcuni lavori di miglioria per rendere il canile più sicuro e accogliente   

15 agosto - 14:34

Come ogni anno si sono svolte le celebrazioni del ricordo di quel giorno del 1944 quando i nazisti ammazzarono 17 persone tra civili e partigiani. Alessandro Olivi: "Già allora la divisione era tra sovranismo e autonomia, tra pluralismo e omologazione"

15 agosto - 15:43

L'allarme era stato lanciato ieri sera dopo che l'uomo non aveva più fatto rientro al campeggio. Le ricerche hanno visto impegnati i vigili del fuoco di Riva del Garda, la Polizia e il Soccorso alpino 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato