Contenuto sponsorizzato

Una Dolomiti Energia formato europeo, l'Asvel del presidente Tony Parker non decolla

Basket. Grande prestazione dei bianconeri che superano i francesi per 85-75. Brilla Behanan, autore di 19 punti, 5 rimbalzi e 4 assist, ma la Dolomiti Energia è squadra compatta: Sutton mette a referto 13 punti e 6 rimbalzi, Flaccadori 11 punti e 7 rimbalzi, mentre Gomes offre un match generoso e costruito da tanto lavoro sporco

Dolomiti Energia e Asvel Villeurbanne in azione al PalaTrento (foto di Giuseppe Schiavone)
Di Luca Andreazza - 11 ottobre 2017 - 22:35

TRENTO. E' una Dolomiti Energia sontuosa quella che si presenta sul parquet del PalaTrento per la prima notte europea di Eurocup. I già diciotto volte campioni di Francia dell'Asvel Villeurbanne, sodalizio presieduto da Tony Parker, stella Nba dei San Antonio Spurs, si inchinano per 85-75.

 

Nessun timore e grande prestazione dei trentini davanti alla formazione transalpina costruita per tornare ai vertici del basket nazionale e continentale. A disposizione dell'allenatore John David Jackson è stato messo in mano un roster completo, esperto e molto fisico. I bianconeri dominano tre quarti di gara e poi resistono al ritorno francese, dimostrando maturità e concentrazione.

 

Brilla Behanan, autore di 19 punti, 5 rimbalzi e 4 assist, ma la Dolomiti Energia è squadra compatta: Sutton mette a referto 13 punti e 6 rimbalzi, Flaccadori 11 punti e 7 rimbalzi, mentre Gomes offre un match generoso e costruito da tanto lavoro sporco. 

 

Maurizio Buscaglia manda sul parquet Sutton, Forray, Gomes, Behanan, Shields

John David Jackson risponde con Kahudi, Slaughter, Noua, Roberson, Watkins

 

L'inizio del primo quarto è di marca francese: Kahudi chiama, Sutton risponde per il 2-2. Asvel Villeurbanne spinge forte e arriva il primo strappo targato Watkins e Slaughter per il 2-8. La reazione della Dolomiti Energia è pronta, anzi prontissima: Sutton ricuce tutto sull'8-8. Forray firma il primo vantaggio bianconero, ma l'equilibrio dura fino al 12-12 fino a quando non sale in cattedra Behanan che spinge i padroni di casa sul 18-12. Nelson e Lighty provano a riportare i transalpini in scia (18-15), ma Sutton, Gomes e Flaccadori chiudono il parziale sul 25-18.

(Dolomiti Energia e Asvel Villeurbanne in azione al PalaTrento - foto di Giuseppe Schiavone)

L'1/2 dalla lunetta di Flaccadori inaugura la seconda frazione (26-18), dopo il canestro di Roberson, Behanan e Franke spingono la Dolomiti Energia sul +10 (38-28). Lighty e Nelson tenono in gara l'Asvel Villeurbanne, ma Gomes dice 46-38. La tripla di Harper manda le squadre al riposo lungo sul 46-41 in favore dell'Aquila Basket.

 

Dopo un minuto e mezzo del terzo parziale arrivano i primi canestri di Forray e Flaccadori per il 50-41. Kahludi e Nelson dicono -5 per i francesi (50-45). Baldi Rossi e Gomes non restano a guardare e riportano i bianconeri nuovamente a doppia cifra: 57-47. Il finale parla francese, ma l'Aquila resta sul +10: Noua, Nelson e Harper alla sirena chiudono infatti la frazione sul 64-54.

(Dolomiti Energia e Asvel Villeurbanne in azione al PalaTrento - foto di Giuseppe Schiavone)

L'inizio dell'ultimo quarto è un incubo per la Dolomiti Energia. L'Asvel ritorna prepotentemente in partita, quando Lang, Lighty, Kahudi e Nelson firmano un parziale di 0-8 che porta le squadre sul 62-60 in favore di bianconeri. L'Aquila però si scuote con Forray e Flaccadori che riportano in quota i trentini sul 66-62. Shields, Behanan e Flaccadori ridanno colore alla formazione di casa che si porta su un rassicurante +10 (79-69).  Slaughter e Nelson non si arrendono, ma Flaccadori e Sutton chiudono la contesa sull'85-75.

 

 

 

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.17 del 16 Giugno
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 giugno - 18:41

Lo ha deciso la Corte d'Appello della Corte dei Conti che per la prima volta riconosce il danno erariale causato dall'abbattimento di migliaia di animali. L'ex presidente della Provincia e il suo dirigente sono finiti nei guai per un centinaio di decreti che consentivano ai cacciatori di sparare. La Lav: "Speriamo che la Provincia di Trento e Bolzano ora non compiano lo stesso errore con lupi e orsi"

18 giugno - 12:32

Trovati all'interno dell'abitacolo di un camion 10 panetti di droga per un totale di 11 chili dal valore approssimativo di 800 mila euro al dettaglio. L'autista, di origini campane, fermato con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio con l'aggravante della transnazionalità

18 giugno - 12:45

Tre amici stavano affrontando la via normale sulla Grande delle Tre Cime quando hanno perso l'orientamento. Accortisi dello sbaglio hanno provato a scendere ma l'appiglio si è staccato e un uomo è precipitato per oltre 100 metri nel vuoto

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato