Contenuto sponsorizzato
Ambiente

“Piuttosto evidente lo strato di pulviscolo sahariano" nel rilievo stratigrafico della neve a Chamois, in Valle d'Aosta

Un rilievo effettuato sullo spessore di neve a Chamois, in Valle d'Aosta, mostra chiaramente lo strato di neve rossastra dovuta al trasporto di pulviscolo sahariano oltre che le abbondanti nevicate degli ultimi giorni

Di Redazione | 01 aprile | 13:57
Questo articolo si rispecchia nei nove punti del Manifesto,
di cui il Comitato scientifico dell’AltraMontagna è garante.

Il rilievo stratigrafico effettuato ieri in Valle D’Aosta, vicino al Lago di Lod, a Chamois, a 2.019 metri slm, e pubblicato da Natural Mind Professional, mostra chiaramente il risultato dell’evento meteorologico che, negli scorsi giorni, ha reso rossastre la neve e l’atmosfera in buona parte nell’arco alpino centro occidentale e, in generale, della penisola.

 

Come commenta il meteorologo Andrea Vuole sulla sua pagina Facebook: “Piuttosto evidente lo strato di polvere e pulviscolo sahariano accumulato nella giornata di ieri, e già ricoperto dalla neve fresca caduta nelle ultime 18 ore, dove la concentrazione di polvere sahariana è stata decisamente inferiore rispetto al picco toccato nel pomeriggio di sabato 30 marzo, proprio come previsto dai modelli di simulazione numerica”.

 

Il rilevo non solo mostra chiaramente il pulviscolo sahariano arrivato in Valle d’Aosta, ma testimonia anche la notevole quantità di neve portata dalle ultime precipitazioni. Questa ha portato le carte del bollettino valanghe della regione a tingersi di rosso intenso, a segnalare un elevato pericolo: “Specialmente nelle regioni più colpite dalle precipitazioni, dai bacini di alimentazione in quota le valanghe possono raggiungere dimensioni grandi e minacciare in alcuni punti le vie di comunicazione, anche quelle situate a quote più basse, specialmente nelle regioni con tanta neve. Sino a quando le temperature non diminuiranno, aumento del pericolo di valanghe umide e bagnate”.

 

 

 

SOSTIENICI CON
UNA DONAZIONE
recenti
Attualità
| 15 aprile | 13:55
Il 25 maggio a Jesolo si potranno indossare sci, scarponi e casco per scendere su una pista lunga oltre 30 metri e fatta interamente di plastica riciclata. Un'iniziativa che si fa riflesso dell'intramontabile brama di futuro e della conseguente difficoltà a vivere il presente
Cultura
| 15 aprile | 12:00
Laura Zumiani, responsabile della programmazione generale del Trento Film Festival, è l'ospite dell'ultima puntata di Un quarto d'ora per acclimatarsi, il podcast de L'AltraMontagna che approfondisce i problemi ambientali e sociali sperimentati dalle terre alte tramite la voce di chi le vive, le affronta e le studia
Ambiente
| 15 aprile | 06:00
(L'editoriale) L'alpinista Walter Bonatti racconta, in Montagne di una vita, l'incontro con una farfalla intorpidita dal ghiacciaio. La raccoglie e la porta con sé, al rifugio, ben protetta nel calore delle sue mani. Questo passaggio evoca un altro ricordo, personale, che a sua volta invita a riflettere sul futuro dei ghiacciai, martoriati dalla crisi climatica
Contenuto sponsorizzato