Contenuto sponsorizzato

A "Le Lochere" di Levico è strage di rospi e rane. Lav e Wwf: "In una notte salvati 339 esemplari ma 115 sono stati uccisi"

In questi giorni si risvegliano dal letargo molti anfibi e dai boschi si dirigono verso stagni e acquitrini. Attraversando, però, per pochi metri una strada finiscono per essere investiti uno dietro l'altro. Si chiedono interventi come a Loppio

Pubblicato il - 21 marzo 2018 - 18:10

LEVICO TERME. In una notte sono stati salvati 339 esemplari tra rane e rospi mentre 115 sono stati uccisi. Siamo a Levico in località "Le Lochere" e in questi giorni si assiste al risveglio dal letargo invernale di molti anfibi che si dirigono in massa verso stagni e acquitrini prevalentemente negli orari notturni. Il problema è che non essendoci barriere in grado di convogliarli in sicurezza verso gli specchi d'acqua o sottopassi che li mettano al sicuro dall'attraversamento delle strade di fatto ogni notte si assiste a una vera e propria strage da parte della automobili.

 

 

 

 

Lo segnalano la Lav e il Wwf che ribadiscono quanto sia "urgente porre in essere una soluzione strutturale, istituendo in tale area una riserva naturale messa in comunicazione con la peraltro vicinissima Inghiaie, tramite sottopassi e barriere in grado di convogliare chi non ha alcun mezzo per difendersi verso luoghi sicuri, lontano dalla violenza delle strade". "Nonostante i ripetuti appelli - proseguono le due associazioni - che negli anni si sono susseguiti, la località 'Le Lochere' continua a mietere vittime: raramente vengono notate, certamente non dagli automobilisti lanciati come siluri. Si tratta di centinaia di anfibi, rospi e rane che con metodica puntualità vengono massacrati dalla fretta degli autoveicoli, nel loro percorso di andata dai luoghi di risveglio dal letargo invernale verso stagni ed acquitrini: animali piccoli ed indifesi, con abitudini prevalentemente notturne".

 

Lav e Wwf lanciano, in attesa di soluzioni strutturali prese a livello amministrativo (come per altro già intraprese nei pressi del lago di Loppio) anche un accorato appello agli automobilisti, affinché nel tratto di strada procedano con prudenza e pazienza, arrivando anche a fermarsi per evitare gli animali che attraversano. "La difesa della fauna selvatica deve essere prioritaria - concludono le due associazioni ambientaliste - da parte di amministrazioni e cittadini: oltre all'indiscusso valore di ogni singola vita, è infatti essenziale per migliorare la qualità dell'ambiente in cui viviamo noi ed in cui vivranno le generazioni future".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 novembre - 20:20

Sono 476 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 50 in alta intensità. Sono stati trovati 93 positivi a fronte dell'analisi di 1.484 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,3%

23 novembre - 19:10

Ecco come cambiano le regole di comportamento se in casa qualcuno avverte dei sintomi legati al coronavirus. La “regola dei 21 giorni” di isolamento e le altre istruzioni, l’Apss: “Le persone asintomatiche dei servizi essenziali continueranno a lavorare con la mascherina, poi in quinta giornata faranno un tampone”

23 novembre - 18:32

Il tema è quello dell'apertura degli impianti per il periodo di Natale e Capodanno, ipotesi in questo momento bloccata da Roma. Nel tentativo di forzare una decisione diversa, la Provincia di Trento e quella di Bolzano, valle d'Aosta, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Veneto e Piemonte hanno trovato un'intesa unanime sul protocollo di sicurezza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato