Contenuto sponsorizzato

Gli insetti che vivono nei torrenti? Ricoprono un duplice ruolo

Chironomidi, Plecotteri e Tricotteri sono gli ordini più rappresentati

Pubblicato il - 16 febbraio 2018 - 20:57

Gli insetti che vivono nell’acqua dei torrenti, spiega Leonardo Pontalti ittiologo dell’Ufficio faunistico della Provincia di Trento, svolgono contemporaneamente due funzioni: forniscono cibo ai pesci che se ne nutrono e costituiscono in base alla quantità e qualità numerica e di specie un prezioso indicatore biologico della biodiversità presente nell’acqua.

 

Chironomidi, Plecotteri e Tricotteri sono gli ordini più rappresentati.

 

D’inverno assumono stadi di sviluppo tipici del periodo di quiescenza.

 

Le larve dei Tricotteri, ad esempio, si circondano di sassolini che formano un astuccio intorno al loro corpo e si rifugiano sotto i sassi. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 04:01

Mentre i positivi continuano a scendere, per la comunicazione ufficiale, siamo andati ad analizzare i dati completi per capire se anche i positivi agli antigenici calano. Ecco il focus su una decina di comuni con il confronto rispetto a una settimana fa. Ebbene se Pergine ha ridotto i contagiati attivi di 129 unità e Baselga di Piné è scesa, fortunatamente, sotto il 3% soglia critica per la ''zona rossa'' in molte altre realtà il totale di positivi è aumentato per un dato globale che si mostra stabile 

23 novembre - 20:20

Sono 476 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 50 in alta intensità. Sono stati trovati 93 positivi a fronte dell'analisi di 1.484 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,3%

23 novembre - 19:10

Ecco come cambiano le regole di comportamento se in casa qualcuno avverte dei sintomi legati al coronavirus. La “regola dei 21 giorni” di isolamento e le altre istruzioni, l’Apss: “Le persone asintomatiche dei servizi essenziali continueranno a lavorare con la mascherina, poi in quinta giornata faranno un tampone”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato