Contenuto sponsorizzato

I pesci nell'Adige sono quasi spariti, Bezzi: "La Provincia intervenga per salvaguardare l'economia idroelettrica e la fauna ittica"

Questo quanto emerso dopo l'incontro tra le associazioni di pescatori delle Province di Trento e Bolzano e della Regione Veneto. Le cause sarebbero l'inquinamento e il folto numero di cormorani, ma anche dighe presenti lungo il corso del fiume e la gestione degli svasi e delle aperture delle paratoie delle centrali

Pubblicato il - 11 aprile 2018 - 13:00

TRENTO. I pesci nel fiume Adige sono a rischio estinzione. Questo l'allarme lanciato dal consigliere provinciale Giacomo Bezzi (Forza Italia) nell'accogliere quanto emerso nell'incontro di Rovereto tra le associazioni di pescatori delle Province di Trento e Bolzano e quelle della Regione Veneto.

 

"I dati - spiega il consigliere provinciale - mostrerebbero che oltre il 50% delle specie ittiche autoctone del fiume Adige sono estinte oppure a rischio". 

 

L’incontro, il primo che ha riunito tutte le associazioni interessate dal fiume Adige, è servito per fare il punto, ma anche evidenziare i problemi per il tratto di fiume di propria competenza e pensare soluzioni condivise per la salvaguardia della salute di tutto il corso d'acqua.

 

"Gli esperti - aggiunge Bezzi - evidenziano diverse cause che hanno portato alla decimazione delle specie: l’inquinamento, il folto numero di cormorani, le dighe presenti lungo il corso del fiume che impedirebbero ai pesci una libera circolazione nelle acque, la gestione degli svasi e delle aperture delle paratoie delle centrali idroelettriche. E' necessario intervenire per salvaguardare il patrimonio ittico e l'ecosistema prima che la situazione degeneri in modo irrisolvibile".

 

E il consigliere interroga la Giunta per sapere se quanto emerso nel corso dell'incontro sia fondato e se il servizio provinciale competente in materia intenda interessarsi alla vicenda. "E' necessario - conclude Bezzi - verificare la gestione degli svasi e delle aperture delle paratoie delle centrali idroelettriche in modo da fissare modalità e tempistiche rispettose delle esigenze dell'economia idroelettrica, ma anche la salvaguardia della fauna ittica".

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 12:56

La neve caduta in grandi quantità e appesantita anche da pioggia e temperature in risalita è instabile in molte zone. I tecnici: ''Al di sopra dei 2200 m circa gli abbondanti accumuli di neve ventata degli ultimi giorni sono instabili. Queste possono distaccarsi già in seguito al passaggio di un singolo appassionato di sport invernali e, a livello isolato, raggiungere grandi dimensioni''

18 novembre - 17:33

I danni da masse nevose a causa della nebbia non sono ancora del tutto visibili, ma si teme che si siano verificati grossi danni. I geologi provinciale hanno riferito di frane in val Pusteria, val Badia, valle Isarco e Bassa Atesina

18 novembre - 16:31

Il personale di Veneto strada sta monitorando il territorio colpito da diversi smottamenti. Anche la frana di Schiucaz è seguito in tempo costante dopo gli smottamenti avvenuti nelle ultime ore 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato