Contenuto sponsorizzato

In valle dell'Adige temperature ''da Sud Italia''. Orlando: ''Caldo che sarebbe giusto in agosto''

Lo spiegano gli esperti della Fondazione Museo Civico di Rovereto e il responsabile dell'osservatorio meteorologico MeteoRovereto.it: ''Negli ultimi tre giorni le minime registrate a Rovereto superano le medie del periodo di 5, 6, talvolta addirittura 7°C"

Pubblicato il - 13 settembre 2018 - 18:49

ROVERETO.  I primi giorni di settembre in Trentino? Hanno fatto registrare temperature che sarebbero state normali a Trapani, in Sicilia. A dirlo gli esperti della Fondazione Museo Civico di Rovereto che con il responsabile dell'area meteorologica Filippo Orlando spiegano come le temperature si siano sensibilmente alzate e come per il Nord Italia, Trentino compreso, quella che si sta andando a concludere è stata la quarta estate più calda da quando, a inizio '800, si è iniziato a raccogliere i dati in maniera sistematica. Ma non è tutto è stato l'agosto più caldo della storia della meteorologia per l'Europa.

 

"Sembra quasi incredibile - spiega Orlando - ma in questo periodo dell'anno, a Rovereto, per esempio, le minime notturne dovrebbero attestarsi sui 12°C e le massime diurne sui 24°C. Negli ultimi tre giorni, invece, le minime registrate in città si sono aggirate tra i 15 e i 17°C, mentre le massime hanno regolarmente sforato il muro dei 30°C, con un picco di 31°C. Per il fondovalle trentino - continua Orlando tra l’altro titolare dell'osservatorio meteorologico MeteoRovereto.it - queste sarebbero temperature da pieno agosto mentre, per il mese di settembre, simili valori arrivano a superare le medie del periodo di 5, 6, talvolta addirittura 7°C".

 

E il paragone con la Sicilia? La Fondazione Museo Civico di Rovereto spiega che "il riferimento alla città siciliana (Trapani ndr) è tutt'altro che campato per aria: per capire quanto abbia fatto caldo negli ultimi tre giorni nelle nostre valli basta ricorrere ad un rapido confronto dei valori di temperatura registrati il 10, l'11 e il 12 settembre con quelli relativi alle medie del periodo. Il termine di questo paragone non sono certo i dati di cento o duecento anni fa, bensì la normalità climatica dell'ultimo trentennio di riferimento, che per convenzione climatologica va dal 1981 al 2010".

 

"Queste ondate di calore - prosegue la Fondazione - purtroppo, sono sempre più frequenti e intense, e anche se per alcuni potranno risultare piacevoli, rappresentano dei segnali di cambiamento climatico davvero allarmanti. Come se non bastasse, a seguito di una stagione che in ottica della fusione dei ghiacciai alpini e soprattutto polari potremmo definire drammatica. Come si è detto, negli ultimi tre giorni il Trentino è stato interessato dall'ennesimo anticiclone di origine africana, il quale ci sta facendo registrare temperature che, in questo periodo dell'anno, più che di Trento sarebbero tipiche del sud".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 agosto - 06:01

Sono 15.614,29 gli ettari di superficie complessiva notificata bio e in conversione nel 2018 per 1.309 operatori, quasi un raddoppio in termini di ettari rispetto ai dati del 2017. Numeri che si trovano nella risposta dell'assessora Giulia Zanotelli all'interrogazione di Lucia Coppola (Futura). L'ex assessore: "Stanziati solo 5 milioni contro i 21 della volta precedente. Bocciato un emendamento del Patt che chiedeva più soldi per il comparto"

24 agosto - 11:39

L'inizio del concerto è previsto alle 14. Pur essendo stati previsti dei servizi di trasporto speciali, ci sono già code e rallentamenti in A22 all'uscita di Bressanone

24 agosto - 09:59

I tecnici sono al lavoro per scoprire le cause che hanno portato alla diminuzione dell’afflusso d’acqua: alla base potrebbe infatti esserci una perdita nell’acquedotto, oppure l’eccessivo consumo dovuto alle numerose presenze, ma anche le piogge scarse che potrebbero aver intaccato le riserve della sorgente

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato