Contenuto sponsorizzato

Ippocastani ingialliti e foglie sui marciapiedi. In viale Verona è in azione un parassita, la Tignola Defogliatrice

Passeggiando da Ponte dei Cavalleggeri verso il centro cittadino sembra già che si arrivato l'autunno. In realtà si tratta di un parassita specifico dell’ippocastano, comune in tutta Europa, che quest'anno ha trovato condizioni climatiche perfette ed è giunto al terzo ciclo riproduttivo

Di Arianna Stech (Liceo Prati) - 20 agosto 2018 - 12:29

TRENTO. Passeggiando all’ombra degli ippocastani in viale Verona si respira una precoce atmosfera autunnale: la chioma dei grandi alberi ornamentali è infatti colorata del tipico arancione che precede la caduta delle foglie verso ottobre: caduta che, però, sembra essere stata di molto anticipata visto il tappeto di foglie che già adesso ricopre il marciapiede.

 


 

Questa caduta precoce, secondo Costantino Bonomi, botanico e conservatore responsabile del Muse, è da imputarsi alla Tignola Defogliatrice (Cameraria ohridella) che quest'anno ha trovato delle condizioni climatiche particolarmente favorevoli per riprodursi. Stiamo parlando di un parassita specifico dell’ippocastano comune in tutta Europa che depone le uova sulla superficie delle foglie e, allo stadio larvale, si nutre della lamina fogliare di quest’albero.

 

Il problema si manifesta solitamente al secondo ciclo, alla seconda generazione di queste larve, poiché durante il primo ciclo il parassita tende a nutrirsi delle foglie d’ombra alla base dell’albero, mentre la seconda generazione inizia ad attaccare le foglie della chioma maggiormente visibili causandone dapprima l’insecchirsi delle venature e poi la caduta definitiva della foglia.

 

La Tignola Defogliatrice arriva a riprodursi fino a tre volte durante una stagione ottimale e l’ultimo ciclo può defogliare totalmente l’albero. Nonostante ciò però l’ippocastano non arriva a deperire e il parassita ne causa solo una filoptosi anticipata a cui può seguire una ricrescita delle foglie in settembre se il clima è particolarmente favorevole o, più probabilmente, la continuazione naturale della fenologia della pianta che quindi rimarrà spoglia per l'autunno e l'inverno e rimetterà le foglie in primavera.

 

''La Cameraria ohridella è un insetto monofago che colpisce solamente l'Ippocastano - così parla Costantino Bonomi - ma, nonostante sia comunemente conosciuto e vi siano rimedi chimici disinfestanti, spesso il rapporto prezzo-risultato è sfavorevole e perciò si preferisce far indebolire l’albero che in ogni caso non muore. Una soluzione alternativa futura a questo problema potrebbe essere eliminare le monoculture per favorire una maggiore diversità che andrà a contrastare la diffusione del parassita con un rimedio naturale".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 10 agosto 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Montagna
11 agosto - 20:34
Quest'estate sono state diverse le segnalazioni di escursionisti privi di abbigliamento consono alla montagna. Zanella: "In montagna non si [...]
Politica
11 agosto - 17:58
Il partito di Azione guadagna un consigliere comunale trentino: Mario Caproni, ex vicesindaco di Riva del Garda che oggi siede ai banchi [...]
Politica
11 agosto - 17:56
Il presidente della Provincia è intervenuto con un video sul suo profilo Facebook, parlando dell'incendio a Ischia Podetti: "E' sempre più [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato