Contenuto sponsorizzato

A 2.200 metri inaugurato il balcone per ammirare il panorama unico delle Dolomiti

Ieri l'inaugurazione in Alto Adige. In Trentino luoghi simili esistono nel parco naturale Paneveggio-Pale di San Martino a Tognola, e uno nel parco naturale Adamello-Brenta a Ritort

 

Pubblicato il - 17 giugno 2019 - 08:31

BOLZANO. Un luogo unico dove poter godere di un panorama eccezionale. E' stato inaugurato ieri il secondo balcone panoramico sulle Dolomiti patrimonio mondiale UNESCO in territorio altoatesino.

Si tratta di un'area che sorge sul Mastlé a S.Cristina di Val Gardena, nel parco naturale Puez-Odle. In Trentino strutture simili sono presenti nel parco naturale Paneveggio-Pale di San Martino a Tognola, e uno nel parco naturale Adamello-Brenta a Ritort.

 

“Anche a distanza di 10 anni ci rallegriamo molto del riconoscimento quale patrimonio mondiale UNESCO. Dal balcone si gode un panorama unico che invita ospiti e residenti alla consapevolezza dell’unicità del territorio montano nel quale si trovano e vivono”, ha sottolineato l’assessora altoatesina alla tutela del paesaggio, Maria Hochgruber Kuenzer.

 

Come il patrimonio Dolomiti Unesco può essere definito seriale perché interessa nove territori che rappresentano ognuno un aspetto peculiare dal punto di vista geologico-paesaggistico delle Dolomiti, così anche l’obiettivo dei balconi panoramici è quello di raccontare e rendere vivibili queste peculiarità che rendono così straordinarie le Dolomiti nei vari territori, ha spiegato Marcella Morandini, direttrice della Fondazione Dolomiti UNESCO.

Il balcone sorge a quota 2.200 metri nei pressi della stazione a monte dell’impianto di risalita Col Raiser lungo un sentiero fortemente battuto. “Il concetto predisposto dalla Fondazione assieme alle Province del patrimonio mondiale per i balconi panoramici trova un’esplicazione esemplare in quello realizzato sul Mastlé grazie alla collaborazione del Comune e dell’associazione turistica”, ha affermato l’assessora. "Noi, tutte le Province, perseguiamo il medesimo obiettivo, abbiamo intrapreso la medesima strada, e per questo ci avviciniamo sempre di più. La forza crescente che ne deriva costituisce una buona base per portare avanti assieme il nostro patrimonio mondiale", così l'assessora Hochgruber Kuenzer.

In accordo con la Fondazione Dolomiti UNESCO è prevista la realizzazione di una serie di cosiddetti balconi panoramici nelle aree interessate dal patrimonio mondiale, in Alto Adige, in Trentino e nelle provincie di Belluno, Pordenone e Udine. Con la realizzazione dei balconi si punta a incrementare il grado di conoscenza sulle Dolomiti UNESCO illustrandone la bellezza paesaggistica e l'importanza geologica e geomorfologica valorizzando altresì l’intero territorio posto sotto tutela dall'UNESCO.

Il primo, situato sul Monte Specie/Strudelkopf, nel parco naturale di Fanes-Senes-Braies nel comune di Dobbiaco, è stato inaugurato nel 2015. Questo primo balcone panoramico, il cui prototipo era stato sviluppato dall'architetto David Messner assieme al padre, l'artista Franz Messner, venuto a mancare, è servita quale progetto pilota per le altre 7 che sorgeranno in territorio altoatesino.

 

“La realizzazione di tutti gli altri balconi panoramici, anche nelle atre realtà territoriali, avverrà secondo questo standard”, ha detto Morandini. Accanto a quelli sul Monte Specie/Strudelkopf e sul Mastlé, sono stati già realizzati balconi panoramici in Trentino, nel parco naturale Paneveggio-Pale di San Martino a Tognola, e uno nel parco naturale Adamello-Brenta a Ritort. Nel Bellunese, invece, sono in fase di realizzazione tre balconi nelle località Nevegal, Monte Rite e Monte Agudo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 luglio - 07:59

Proviamo a smontare un po' di dubbi e perplessità sull'incredibile vicenda che riguarda la fuga dell'orso scappato nella notte tra domenica e lunedì dal recinto del Casteller superando recinti elettrificati e dandosi alla macchia senza radiocollare. Ieri, poi, è spuntata una foto di lui in Marzola dove non ci sono mai stati né orsi né lupi ma la realtà è spesso più incredibile della fantasia soprattutto se alla base c'è una figuraccia tanto grande

16 luglio - 22:30

Il plantigrado non avrebbe più vie di fuga e il ministro, che a poche ore dalla fuga ha diffidato la Provincia dall'abbatterlo, chiede nuovamente al presidente Maurizio Fugatti di non uccidere l'animale: "E' un animale braccato e riuscirete a prenderlo ma non sparate. Io mi sto attivando al massimo delle mie competenze per evitare un Daniza2"

16 luglio - 19:29

La settimana scorsa il vicepresidente della circoscrizione di Gardolo, il leghista della prima ora Pacifico Mottes, ha ufficializzato la sua uscita del partito. Il segretario Bisesti: "Per l'affetto sincero che provo per lui non commento". Malumori ci sarebbero però anche in altre zone del territorio

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato