Contenuto sponsorizzato

Aperte le iscrizioni per mettersi al servizio delle Dolomiti per 5 giorni e per festeggiare i 10 anni dal riconoscimento Unesco

Si cercano 50 ragazze e ragazzi (12-17 anni) che vogliano imparare in 5 giorni sulle Dolomiti come è organizzata e gestita la rete escursionistica montana del Cai

Pubblicato il - 12 maggio 2019 - 19:31

TRENTO. A dieci anni dal riconoscimento delle Dolomiti quali patrimonio Unesco, la Fondazione e diverse realtà lavorano in sinergia per celebrare la ricorrenza. Arriva una nuova iniziativa, "Campo Sentieri", che coinvolge per cinque giorni ragazze e ragazzi dai 12 ai 17 anni di tutto l'ambito dolomitico.

 

I cinquanta ragazzi che intendono aderire a questa iniziativa promossa da Fondazione Dolomiti Unesco, Provincia di Trento, Sat e Alpinismo giovanile Triveneto si troveranno a vivere un'esperienza indimenticabile, oltre a maturare la consapevolezza della responsabilità e dell'impegno necessario affinchè il bene comune montagna e Dolomiti possa essere trasferito alle generazioni future grazie anche al lavoro di manutenzione dei sentieri alpini.
 
L'idea di allargare l'esperienza "Campo Sentieri", che la Commissione alpinismo giovanile organizza da 5 anni in ambito regionale, è partita dalla Sat, ed è stata subito accolta dalle sezioni Cai dei territori dell'ambito dolomitico e sostenuta convintamente dalla Fondazione Dolomiti.

 

Anche in questo modo si celebrano i dieci anni del riconoscimento Unesco alle Dolomiti. I 50 ragazzi partiranno infatti da Cortina d'Ampezzo il prossimo 26 giugno in concomitanza con la Cerimonia ufficiale per il decimo compleanno delle Dolomiti.

 

Trascorreranno insieme 5 giorni sotto il Pelmo, facendo base al campeggio “Cadore” in località Peronaz a Selva di Cadore messo a disposizione dal Cai di Montecchio Maggiore su invito di quello Veneto. Le iscrizioni sono aperte fino a fine maggio attraverso le segreterie regionali Cai/Sat. La quota di adesione è di 50 euro (Qui info).

 

"Incontrarsi, stare insieme, costruire un senso di appartenenza 'dolomitico', costruire relazioni e imparare sul campo l’importanza della cura del territorio. Non basta - dice il vice presidente della Fondazione Unesco - avvicinare i giovani alla bellezza della montagna, bisogna insegnare loro a prendersene cura. Soprattutto in un momento in cui moltissimi sentieri hanno subito gli effetti della tempesta Vaia: il lavoro volontario dei Club alpini che se ne occupano appare al limite del possibile e comporterà gli 'straordinari' per diversi anni. Non si tratta solo di formare nuove leve per la manutenzione dei sentieri, ma di far comprendere loro l’importanza del lavoro dei volontari e appassionare i giovani a un territorio fragile, che ha bisogno di attenzione e di cura, anche solo per essere percorso a piedi. Nelle giornate del campo i ragazzi potranno apprendere, grazie ad esercitazioni teoriche e pratiche, come viene organizzata e gestita la rete escursionistica montana, gestita dalle varie sezioni del Cai/Sat, ed il valore del lavoro dei volontari che contribuiscono alla manutenzione dei sentieri alpini".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 luglio - 19:16

Gli obiettivi sono organizzati in sette aree strategiche, che hanno l’ambizione di voler alimentare un confronto permanente tra tutti i protagonisti della vita collettiva: la politica, le istituzioni, le espressioni più rappresentative della cultura, della società, dell’economia, del territorio, della cittadinanza delle aree urbane e delle valli 

19 luglio - 16:57

La diga e il lago di Santa Giustina, oltre a produrre energia elettrica, saranno al centro del progetto di valorizzazione turistica che porterà alla realizzazione di una skywalk. Gli interventi avranno un costo di circa 1,80 milioni di euro e saranno sostenuti da Dolomiti Edison Energy, società titolare della concessione della centrale idroelettrica

19 luglio - 18:26

Vittorio Feltri, direttore editoriale di Libero, senza freni quest'oggi a La Zanzara su Radio 24. A tener banco e ancora M49-Papillon l'orso Trentino catturato e poi fuggito dal Casteller ad inizio settimana

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato